Come si comportano i brand di beauty e make up sui social network?

Beauty, Make up e comunicazione digitale: un’analisi delle strategie di comunicazione e marketing adottate dai principali brand del settore

 

Il settore della cosmesi, in particolare quello del make up, sta attraversando una fase dicrescita esponenziale da oltre 8 anni. Numerosi sono i case studies apparsi in rete sui brand più conosciuti del panorama beauty, e più o meno tutti i marchi di bellezza sono ormai presenti sui social network.

Ma come si differenziano le strategie di beauty marketing di questi brand? In che modo si approcciano ai consumatori e con quali risultati? La maggior parte dei brand di beauty e make up si affidano a specialisti della comunicazione e del social media marketing . Che siano agenzie esterne o risorse interne all’azienda, nulla viene lasciato al caso.

Numerose sono le iniziative lanciate sui social network per coinvolgere i consumatori e invogliarli all’acquisto dell’ultima novità in profumeria. Ormai quasi tutte le aziende stringono collaborazioni con le youtuber e le blogger più famose, che utilizzando i loro prodotti nei video tutorial o recensendoli nei loro blog, stimolano la voglia di acquisti delle loro followers.

 

Tweet: yourbrand.campAziende e Influencer: da cosa dipende la riuscita di una collaborazione?

#MakeupMarketing #YBC @LetentazionidiL

 

 

La riuscita di queste partnership dipende da tanti fattori: in primis dalla scelta di un ottimo team di Digital Pr, che sappia individuare le social influencer del settore più adatte alle strategie di comunicazione e marketing che il brand vuole adottare.
Non in ultimo però vi è il posizionamento di questi brand sui social network e la loro capacità di relazionarsi ad un pubblico di consumatori sempre più attento ed esigente.

 


Come riuscire ad attrarre e fidelizzare il consumatore?

Innanzitutto è necessario fare una distinzione tra la tipologia di pubblico con cui ogni brand si relaziona. Non sempre la cliente che si rivolge a marchi di lusso è la stessa che invece preferisce acquistare dai marchi della profumeria selettiva.
Qui entrano in gioco le analisi dei consumatori , da cui deriveranno le diverse strategie sui social network, di modo da raggiungere il target desiderato.

Interessanti sono i casi di Pupa Milano e Kiko Cosmetics, al vertice delle classifiche 2014 tra i brand Beauty 2.0. Attivi sulla maggior parte dei social network, soprattutto Facebook e Youtube, questi marchi continuano a distinguersi per la capacità di coinvolgere e fidelizzare il consumatore, attuando frequenti iniziative a base di promozioni e scontistiche, che hanno raggiunto livelli a volte esagerati di affluenza nei negozi (ricordate il caso Kiko Cosmetics affrontato dalla nostra Elena lo scorso anno?).

Altrettanto efficaci i casi di molti altri brand tra cui L’Oreal, Collistar e Dolce&Gabbana che invitando periodicamente le loro followers a pubblicare selfie e foto con i loro prodotti riscuotono così il successo non solo degli hashtag dedicati alle iniziative, ma del lavoro di comunicazione web in generale che, con il coinvolgimento attivo dei fan e la sempre più attiva partecipazione degli utenti, permette al reparti marketing di attuare strategie sempre più mirate e performanti.

Il risultato di tutti questi successi ha contagiato anche grandi catene, come Sephora e Douglas, che hanno colto questi segnali attuando strategie volte al coinvolgimento degli utenti, soprattutto tramite Instagram, mediante scontistiche frequenti, un piano editoriale fatto di immagini accurate e testi accattivanti e soprattutto sfruttando i tanti marchi di cui sono esclusivisti. Ecco quindi il sorgere di talent, concorsi e partnership con grandi riviste.

 

Tweet: yourbrand.campBrand e le possibilità dei social network. Quanti se la lasceranno scappare?

#MakeupMarketing #YBC @LetentazionidiL


Quale lo scenario futuro per i brand e per i consumatori?

In conclusione si può affermare che tramite i social network i brand riescono, direttamente con i loro canali e indirettamente tramite quelli delle influencers da loro designate, a conseguire numerosi vantaggi, tra cui riuscire a stringere un legame diretto con il consumatore in target e potenziare le vendite dei prodotti del proprio brand.

Sarà la nuova frontiera del social shopping? Quel che è certo, è che i brand hanno ormai intravisto le possibilità dei social network, quanti di loro se le lasceranno scappare?

 

 


 

Potrebbero interessarti anche:

Dal blog al libro: il passaggio da beauty blogger a scrittrice è davvero così semplice?
 

 

Laura Portomeo

Beauty Blogger, Make Up Artist e gestore del Network Le Tentazioni, si divide tra belletti e comunicazione, sempre con la valigia pronta e carica di curiosità.

Seguimi su: