Influenze Asiatiche nel beauty marketing: dai trend alle strategie

Dalle BB Cream alle Beauty Sheet Masks, il mercato asiatico si fa spazio in quello Europeo: soltanto trend passeggeri o vere e proprie strategie?


Sono ormai diversi anni che vediamo riproposti dalle più svariate aziende di cosmesi, prodotti di origine e ideazione asiatica, soprattutto giapponesi e coreani, riproposti in versione ri-adattata al mercato Europeo.

Tra i primi ricordiamo certamente le BB Cream (seguite poi dalle CC, DD, ecc), nate in Corea per uniformare e rendere etereo l’incarnato, molto coprenti e dalle texture corpose, in Europa sono diventate le moderne sostitute delle ormai vecchie creme colorate: leggere, appena pigmentate, promettevano risultati simili a quelli del fondotinta ma senza le difficoltà di stesura e scelta del colore. In breve tempo sono diventate un must, ogni brand ne ha voluta una -o più- nel suo assetto, riadattandone la formula in base al target di consumatori a cui si rivolgeva.

Più recentemente abbiamo visto i cushion, spugnette con migliaia di fori impregnate di fondotinta da “tappare” e applicare sul viso con una morbida spugnetta più volte in base alla copertura desiderata. Dai fondotinta si è rapidamente passati ai blush e ai correttori, agli illuminanti e ai rossetti, tutti con applicatori cushion, morbidi e diciamolo, piacevoli nell’applicazione.


 



Dalla cosmetica si è passati alla beauty routine: la skincare asiatica è tra le migliori del mondo, e internet ancora una volta ne ha favorito la diffusione. Si sono quindi sviluppate rapidamente le famose maschere in tessuto, quelle peel off, quelle di colore nero, quelle da notte, prodotti rinfrescanti e pret a porter per viso e corpo con texture acquose e poi il mercato è esploso. I brand Asiatici sono arrivati sul suolo nostrano.

 

Tweet: yourbrand.camp
Ma i prodotti asiatici sono davvero una novità nel mercato Europeo?

#MakeupMarketing #YBC @LetentazionidiL

 

Non che non ne avessimo mai visti prima: Shiseido e Sensai ad esempio sono brand di origine asiatica, che negli anni hanno saputo connettere la cultura Europea e la sua voglia di novità e conoscenza e mixarla con la propria dottrina, proponendo prodotti sempre più performanti e innovativi.

Forse non tutte ricorderanno i pack ispirati ai cartoon di Tokidoki, ma quel che è certo è che da un semplice trend di stagione, queste influenze hanno modificato le strategie di marchi dai nomi altisonanti, fino ad arrivare nei negozi per far impazzire giovani e adulte.

E’ proprio in uno dei più grandi centri di shopping cosmetico che è nata l’operazione Korean Beauty. Il colosso Sephora ha pensato bene di sfruttare la tendenza inserendo nei suo stash di brand esclusivi molti marchi orientali come Eborian, Herborist e di recente il famoso Tony Moly ed Ettang. Inoltre ha fatto realizzare in Corea molti dei suoi nuovi prodotti come le maschere in tessuto, illuminanti, blush e rossetti con tecnologia cushion e accessori colorati e molto kawaii.

 


Nessuno è rimasto illeso, anche le star si sono lasciate coinvolgere dal trend che le vuole nei selfie di instagram con i volti ricoperti dalla loro beauty mask preferita.
 

Tweet: yourbrand.camp
Dai trend alle #strategiedimarketing: asiatiche dettano regole della bellezza

#MakeupMarketing #YBC @LetentazionidiL

 

Quello che era partito come un semplice trend, una tendenza che poteva rivelarsi stagionale come tante, è diventato un fenomeno virale che tantissime aziende hanno colto pur di poter dire: “c’ero anche io!”. In poche però hanno saputo davvero sfruttare l’onda, vuoi perché le esigenze delle donne asiatiche sono completamente diverse da quelle delle donne occidentali, vuoi perché è difficile restare al passo con un paese che sforna un nuovo cosmetico ogni sette mesi.

Ad ogni modo siamo sicuri che questa ondata è solo il preludio dell’avvicinamento di due realtà che permetteranno l’arrivo di tantissime novità in ambito cosmetico. Vedremo chi saprà sfruttare al meglio questo trend nel lungo periodo.



 


 

Potrebbero interessarti anche:

Vendita di cosmetici per catalogo: origini, storia e attualità del network marketing

Il potere del packaging: acquisti compulsivi o strategie di marketing?

Maketing Olfattivo e profumeria di nicchia: la nuova era delle fragranze come strumenti di marketing

Come si comportano i brand di beauty e Make up sui social network?

Dal blog al libro: il passaggio da beauty blogger a scrittrice è davvero così semplice?

 

 

 

 

Laura Portomeo

Beauty Blogger, Make Up Artist e gestore del Network Le Tentazioni, si divide tra belletti e comunicazione, sempre con la valigia pronta e carica di curiosità.

Seguimi su: