Primi passi alla scoperta della cosmetica Ecobio

Cosmetica Ecobio, nei mercati e in rete. Il “caso Antos”: un esempio di collaborazione tra aziende e Blogger. 

Primi passi alla scoperta della cosmetica Ecobio

Il mondo dell’Ecobio e del Green ha mille sfumature, anche quando si parla di cosmetica. Non è nostro compito stabilire cosa sia realmente bio o no. La stessa definizione di Ecobio è in fondo difficile da dare: non ne esiste una unica perché sono molti i criteri a cui fa riferimento. Si può comunque affermare, senza paura di smentite, che la vera cosmetica bio ha un’elevata attenzione alle materie prime utilizzate in tutta la sua filiera (dall’approvvigionamento allo smaltimento) e alla riduzione dei rifiuti.

Di certo questo mondo attira sempre più l’attenzione, tanto da essere cresciuto sempre di più, fino ad interessare secondo alcuni rapporti, nel 2014, un fatturato di oltre 400 milioni di euro con un tasso di crescita del 7,7% contro il 2% del mercato cosmetico tradizionale. Un interesse di questo tipo non poteva passare in silenzio sulla rete, anzi. Proprio per il suo essere nato come di “nicchia” il settore ecobio trova nella sua rete uno dei punti di forza più saldi e meglio strutturati.

Guardando al mondo Beauty in Italia non è esagerato sostenere che alcuni brand come Neve Cosmetics o Biofficina Toscana o ancora Alkemilla devono parte del loro successo proprio alla loro diffusione on line e al passaparola delle consumatrici nonché blogger. Hanno quindi per la loro stessa storia e natura sempre avuto grande attenzione all’uso dei canali social e ai rapporti con le Blogger.

Un bell’esempio di incontro tra azienda Ecobio e Beauty Blogger è quello che vede protagonisti Antos Cosmesi, azienda cosmetica del Monferrato, e Chiara, Elisa e Valentina, rispettivamente autrici di Claire Louise Oxford, Su un filo di eyeliner e Il mondo di TinzyaMake Up: lo scorso settembre l’azienda le ha ospitate nei loro laboratori, permettendo di conoscere dal vivo la loro realtà.

Va fatto presente che le tre blogger, oltre ad avere un animo decisamente attento al green, sono anche le amministratrici di un gruppo Facebook “Una blogger per Amica” che, senza alcuna pratica di spam o scambi di like (pratica purtroppo enormemente diffusa nella Blogosfera ma che nel mondo Beauty, vuoi per target o per fasce d’età, sembra essere ancora più sfacciata e frequente) ha saputo crescere in maniera serena e pulita, con una percentuale di polemiche pressoché vicina allo zero. E, come confermato dalla stessa azienda, anche questa loro capacità di “fare gruppo” e l’aver creato una community virtuale e collaborativa caratterizzata da una vera volontà di condivisione è stato un punto di pregio e valore che ha contribuito a farle identificate come le persone più adatte a vivere una giornata nei laboratori Antos, scoprendo da vicino pratiche, macchinari e procedure e raccontandolo poi, com’era ovvio accadesse, nei loro blog.

Se dalle parole dell’azienda è evidente il desiderio di apertura per rafforzare la fiducia da parte dei clienti, dai racconti delle tre Blogger protagoniste emerge chiaramente come l’esperienza sia stata considerata da tutte un valore aggiunto, soprattutto grazie alla trasparenza e all’incontro tra filosofie e atteggiamenti simili, senza mai avvertire alcuna forzatura.

Lo spazio di rispetto reciproco richiesto e ottenuto è stato utile a tutti quelli coinvolti nell’iniziativa: sicuramente all’azienda, che grazie a un’iniziativa relativamente semplice da organizzare ha costruito un’immagine di apertura e trasparenza, ovviamente alle Blogger, che hanno potuto vivere un momento di crescita non così comune, ma anche per le lettrici/consumatrici (come nel mio caso) che hanno appunto avuto la sensazione di un evento creato al di fuori di lustrini e canapè, che ha saputo porre l’attenzione sul cuore delle attività e coinvolgere in una dinamica meno banale e scontata Blogger e lettrici.

Un esempio pratico di come si possa, con piccole grandi attenzioni, raccontare un mondo come quello della cosmetica bio che ancora oggi viene demonizzato o beatificato troppo facilmente, anche attraverso le Blogger, senza per questo usarle brutalmente e che trova la conferma del suo buon esito nella dichiarata volontà di tutti i partecipanti di proseguire questo rapporto con nuove iniziative, testimoniando come il dialogo non sia esaurito.

Tweet: yourbrand.campCosmesi Ecobio e la rete: esistono conversazioni per vincere tutti? 
 #BeautyStories #YourBrandCamp @Ornatumulierum  

 

 

 

 

 

Elena Colasante

Impiegata, sfrenata amante di rossetti (e sorrisi), Elena Colasante- in rete Hermosa- apre un blog per condividere le sue passioni. Ad oggi, sono aumentate: ama sempre sorrisi e rossetti, ma anche i Social Media.

Seguimi su: