Vendita di cosmetici per catalogo: origini, storia e attualità del Network Marketing

Una pratica, un modo di coniugare marketing e vendite che si è insinuato tantissimi anni fa nelle tecniche commerciali e che ancora oggi vive e sopravvive. Ma perché funziona il Network Marketing e per chi?

 

Quando si parla di Network Marketing nell’ambito cosmetico, sono automatiche le associazioni a brand come Stanhome, Avon, Yves Rocher, Umica e tante altre, più o meno giovani, che negli anni hanno costruito una rete di vendita solida, in continua espansione, formata da donne (e a volte uomini, ma più in altri settori) imprenditrici di se stesse.

Il più delle volte ci si approccia alle Aziende che utilizzano il Network Marketing, tramite un’amica, una vicina che già è dentro a quel mondo e sta costruendo la sua rete di collaboratori o sottoposti. Quel che poi a volte accade è che un semplice tentativo per racimolare qualche soldo in più si trasforma in un lavoro a tempo pieno.

Il Network Marketing, o Multi-level Marketing, permette infatti di distribuire prodotti e servizi a chiunque, senza investimenti di denaro eccessivi, e permette ad ogni distributore di creare la propria rete di distributori, ingaggiando terzi che a loro volta potranno creare la loro rete e così via. Si crea così una enorme maglia basata su tante piccole piramidi, ognuno è il vertice della propria e al contempo un elemento fondamentale di quella di qualcun altro.

In questo modo chiunque può diventare imprenditore, purché abbia dalla sua parte degli elementi: un network di contatti ampio, buone capacità di vendita e comunicazione e ottima capacità di selezionare e supportare altre persone da reclutare per la propria rete di vendita. E’ un’attività che si può certamente imparare, ma di certo non è per i timidi e i ritrosi.
 

Tweet: yourbrand.camp
#networkmarketing efficace: contatti, saper vendere e buon recruiting. Basterà?

#MakeupMarketing #YBC @LetentazionidiL


Il web ha fatto sì che il Network Marketing si espandesse: l’assenza di barriere, la velocità con cui vengono condivise immagini e link ha attratto le aziende che di questo modello di business hanno fatto il loro caposaldo, ma come in ogni settore, bisogna adeguarsi a certe regole.

Il web viaggia veloce e non aspetta i ritardatari, ecco perché molte aziende si stanno impegnando per integrare il loro metodo di vendita a questo nuovo modo di comunicare, di modo poi da trasmetterlo ai venditori e dare loro strumenti sempre più efficaci e all’avanguardia. Sono nati così cataloghi vituali e blog, molte Aziende hanno stretto rapporti con digital influencer, creazione di canali youtube e relativa presenza sui social media sono solo l’inizio dell’escalation che brand come Avon, Stanhome e Yves Rocher hanno attuato nel world wide web.

L’app di Avon per tenere in contatto consumatori e presentatrici, il blog di Stanhome per informare i consumatori sulle caratteristiche e le astuzie che si celano dietro i prodotti, il catalogo virtuale di Yves Rocher sono solo alcuni esempi di come queste aziende non solo siano riuscite ad integrarsi nel web ma abbiano saputo sfruttarlo per rafforzare la propria immagine e dare nuovi strumenti ai venditori per farsi strada in questo mondo.


                                   


Viene spontaneo chiedersi quanto ci sia bisogno oggi di una persona che ti ricordi di sfogliare un catalogo per acquistare prodotti quando ormai basta un click per ricevere comodamente a casa, senza impegno, qualunque cosa si desideri e ovunque si trovi.

Eppure il Network Marketing funziona proprio per quel rapporto che si genera tra venditore e acquirente: quella sintonia, quella fiducia che porta il consumatore ad affezionarsi al prodotto e a quell’abitudine piacevole di rivedere non solo una presentatrice, ma un’amica sempre pronta a raccontarti le ultime novità, che ti da la possibilità di saggiarle e in seguito acquistarle senza muoverti dal tuo sofà, ma in compagnia.
 

Tweet: yourbrand.camp
Nell'epoca degli e-commerce, il porta a porta è ancora così necessario?

#MakeupMarketing #YBC @LetentazionidiL


Se da una parte c’è il cosumatore, dall’altra troviamo l’agente che deve creare la sua rete di venditori, e in questo senso a volte le informazioni sbagliate o poco chiare che circolano non aiutano nella promozione di un lavoro come questo. Tanti sono i dubbi, altrettante le incertezze su un metodo che in Italia ancora stenta a farsi strada, benché in altri paesi si sia evoluto.

Per far parte di questo mondo si deve avere una personalità forte e coinvolgente ma più di tutto, lo si deve volere fortemente, perché è un lavoro meritocratico, da spazio solo a chi si impegna nel portarlo avanti e ha le doti e il giusto numero di contatti (o quantomeno sa come procurarseli).


 


 

Potrebbero interessarti anche:

Il potere del packaging: acquisti compulsivi o strategie di marketing?

Maketing Olfattivo e profumeria di nicchia: la nuova era delle fragranze come strumenti di marketing

Come si comportano i brand di beauty e Make up sui social network?

Dal blog al libro: il passaggio da beauty blogger a scrittrice è davvero così semplice?

 

 

 

 

Laura Portomeo

Beauty Blogger, Make Up Artist e gestore del Network Le Tentazioni, si divide tra belletti e comunicazione, sempre con la valigia pronta e carica di curiosità.

Seguimi su: