5 consigli per iniziare alla grande il tuo Vlog

Il video blogging è una realtà interessante, capace di riunire in un unico strumento diversi codici comunicativi. Sembra facile puntare su un video blog, vero? In realtà devi lavorare molto (e bene) per iniziare con il piede giusto.

Lavorare con il video blogging è la soluzione ideale per chi ama sfruttare i contenuti multimediali attraverso il social web. Spesso il lavoro di content marketing viene sovrapposto  alla pura e semplice attività di blogging, alla scrittura degli articoli.

Bene, fare blogging è importante. Ma questa è solo una parte della tua attività di content marketing: puoi sfruttare diversi codici, puoi sfruttare anche i video per promuovere il tuo brand. E puoi pensare a un appuntamento ben definito nel tempo per fidelizzare il pubblico. Ecco, questo è il video blogging: trasformare la pubblicazione di contenuti video in appuntamenti fissi.

Iniziare un'avventura in questo settore sembra facile, vero? In fin dei conti basta sostituire l'articolo con un video. Poi ci sono diverse piattaforme come Youtube, Facebook e Vimeo che permettono di ospitare i contenuti.
 

Tweet: yourbrand.campVuoi aprire un Vlog? Inizia con il piede giusto

#Bloggingtips #Videoblogging #YourBrandCamp @RiccardoE  

 

In realtà ci sono mille sfumature da curare prima di iniziare la tua attività di video blogging, prima di investire risorse preziose. Io ne ho selezionate 5: ecco il mio punto di vista.

 

1. Strumentazione

Prima di iniziare la tua attività di video blogging devi procurarti una strumentazione degna di questo nome. Credi che sia possibile risolvere tutto con uno smartphone? Certo, in qualche situazione possono essere sufficienti. Ma la verità è semplice: senza una buona base rischi di rimanere nella mediocrità.

Cosa serve? Devi avere una telecamera capace di catturare le immagini nel miglior modo possibile, devi avere un microfono di qualità e magari anche delle luci. In qualche caso può fare comodo uno sfondo neutro, e poi ci sono i programmi di video editing. Su questo punto non puoi improvvisare.
 

2. Studia la nicchia

Il tuo Vlog è pronto? Aspetta, devi farti un paio di domande: “Quello che sto facendo è indispensabile? C’è già qualcuno che pubblica i miei contenuti? Come li pubblica? Come posso essere unico?”. Creare dei video per la tua attività di vlogger vuol dire investire tempo e risorse.

Tempo e risorse che hanno un costo. Devi dare alla tua nicchia una prospettiva differente. Ricorda che ci sono mille modi differenti per dare una nuova lettura anche ai temi già affrontati, e i video sono perfetti per rielaborare tutto ciò che è già stato detto. Prima di iniziare puoi dare uno sguardo anche alle ricerche che fanno gli utenti, e se vuoi sfruttare la piattaforma Youtube hai uno strumento molto utile a disposizione: keywordtool.io/youtube.
Questo lavoro è utile non solo per scegliere gli argomenti da affrontare, ma anche per creare dei titoli efficaci e per scegliere i tag utili (su Youtube, ad esempio, questo lavoro è indispensabile).
 

3. Crea un progetto grafico

Per pubblicare i video devi ottimizzare e allineare anche il progetto grafico, le linee e i colori che accompagneranno il tuo canale. Senza dimenticare i dettagli dei tuoi contenuti. Ad esempio puoi creare una grafica Youtube con gli stessi colori del brand, e può essere utile avere un account Canva che ti permette di giocare con la creatività.

 

 

Puoi anche inserire nel video post una miniatura allineata con il progetto grafico. In questo caso puoi lavorare con strumenti come Photoshop, ma anche con tool più semplici e intuitivi come Canva e Picmonkey. Ricorda che le miniature sono fondamentali per il successo di un video perché attirano lo sguardo del pubblico. Quindi i click.
 

4. Scegli una sigla

Abitudine comune tra i vlogger: utilizzare una sigla per abituare il pubblico a un determinato formato, per rendere subito riconoscibile un determinato prodotto. Spesso i vlogger lanciano degli input all’utente per convincerlo a rimanere sul video e poi lanciano la sigla. Il tuo compito è questo: scegli una musica priva da copyright da utilizzare all’inizio e/o alla fine del video. Per avere informazioni utili puoi seguire questo video di Anna Covone.
 

5. Lavora nelle community

Un buon consiglio da seguire prima di iniziare la tua attività di vlogger: fatti conoscere nella community che ti interessa. Difficile far breccia quando nessuno ti conosce, ma se il tuo nome è già un riferimento per le persone che vuoi raggiungere è più facile far conoscere i tuoi contenuti video. Devi lavorare sul campo, devi puntare sul comment marketing e devi farti conoscere pubblicando dei contenuti di qualità nei canali dei tuoi colleghi prima ancora di creare dei video in prima persona.

 

Tweet: yourbrand.camp

Video blogging: 5 passi per iniziare nel miglior modo possibile

#Bloggingtips #Videoblogging #YBC @RiccardoE  

 

Non è facile iniziare un percorso di video blogging. Prima devi preparare il terreno, devi creare una base sostanziosa per plasmare una base concreta. Poi devi capire cosa vogliono le persone e creare qualcosa di speciale. Qualcosa di unico. Magari creando un nuovo filone, prendendo spunto e senza copiare dai tuoi concorrenti.

Sì, è difficile. Ma se vuoi fare qualche domanda io sono qui.

 

Tweet: yourbrand.camp

Come iniziare la tua attività di video blogging

#Bloggingtips #YourBrandCamp @RiccardoE  

 

 

Potrebbero interessarti anche:

Come scoprire e ringraziare chi ti linka

Video Blogging: perché comunicare con i video?

Blogging efficace: scrivere per raggiungere risultati

Commenti del blog: quale piattaforma scegliere?

Gestire una redazione di blogger: sei strumenti indispensabili

Come scegliere il font per il tuo blog

Strategie di blogging: come fidelizzare il lettore con i contenuti

7 tool che cambieranno la tua vita di blogger

Quali sono gli obiettivi del tuo blog?

I commenti di un blog sono veramente importanti?

Tag title e description: come accontentare Google e lettori

Google Analytics: 4 metriche indispensabili per un blogger

Come integrare i video in una blog strategy

Blog tour e turismo: binomio perfetto

Quando il blog diventa slow web 

Blog e immagini: 9 strumenti per semplificarti la vita

Aziende e agenzie: come scegliere un blogger

Vuoi dare nuova vita ai vecchi post?

Blog aziendale: èproprio necessario?

7 plugin Wordpress veramente indispensabili

La blogosfera in Italia: a che punto siamo?

Visual Storytelling: le migliori app per photocollage

Un blogger tutto per te (e quando ti ricapita?)

 

 

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, webwriter e blogger freelance. Si occupa di formazione per professionisti e PMI, tiene corsi di formazione dedicati al mondo della scrittura online. Ha scritto un libro: Fare blogging, il mio metodo per scrivere contenuti vincenti. Il suo obiettivo: trasformare ogni blog in uno strumento per raggiungere grandi obiettivi.

Seguimi su: