5 video che miglioreranno i post del tuo blog

Non tutti i blogger scrivono e pubblicano solo articoli testuali. L’attività di scrittura si affianca al video editing e alla costruzione di contenuti visual.

 

Cosa significa per te fare blogging? Pubblicare articoli con un intervallo stabilito da un calendario editoriale per mettere in primo piano le tue capacità, le tue competenze, le tue passioni. Tutto giusto, però il successo (spesso) arriva quando cambi prospettiva e crei contenuti per le persone. Non solo per soddisfare le tue esigenze, ma per dare risposte.

A volte queste risposte non possono essere racchiuse dal testo. Anzi, è sempre più facile migliorare gli articoli con dei contenuti video. Esatto, il blogger deve essere in grado di lavorare con immagini e audio. Non puoi riassumere tutto attraverso le parole, l’obiettivo è sempre quello di offrire la migliore risposta possibile.

A chi la devi offrire? A Google che ama i contenuti testuali e ben scritti. Ma soprattutto alle persone. Tutto può essere portato su testo, al tempo stesso puoi semplificare la vita del pubblico con un video. In quali situazioni? Perché un blogger dovrebbe operare in questa direzione? Ecco 5 occasioni che possono fare la differenza.

 

Tweet: yourbrand.camp
Blogging e video, il futuro della comunicazione on line.

#Bloggingtips #YBC @RiccardoE

 

Tutorial

Il tutorial è l’articolo per eccellenza, il post che aiuta il lettore e trova la soluzione a un problema. Ci sono blogger come Salvatore Aranzulla che hanno costruito un impero sui tutorial. E hanno sfruttato la semplicità per comunicare nel miglior modo possibile le proprie conoscenze. Perché questo è il tutorial, giusto? Un contenuto che aiuta le persone a raggiungere un obiettivo.

Una delle caratteristiche del tutorial è la semplicità. Il testo deve essere leggibile, facile da digerire. Magari accompagnato da screenshot o foto delle attività descritte. Perché il testo è indispensabile, ma le immagini possono aiutare. Lo stesso vale per i video.

Ci sono alcune attività che hanno bisogno di tutto questo per essere spiegate bene. Pensa, ad esempio, alla procedura per installare il CMS WordPress sul server: un video tutorial da seguire può fare la differenza. L’articolo te lo leggi, certo, però le operazioni le descrivi meglio con il visual.

 

ScreenFlow - Edit Everything from Telestream on Vimeo.

Un consiglio per i blogger che vogliono lavorare con i tutorial: scaricare Screenflow, un software di montaggio pensato proprio per chi deve registrare lo schermo e inserire finestre video con il proprio viso. Qui hai gli strumenti per mettere in evidenza il cursore e inserire note. Insomma, puoi fare la differenza.

 

Resoconto di un evento

I blogger vengono inviati ad eventi del settore e scrivono degli articoli per riassumere il lavoro o i contenuti degli interventi. È sempre apprezzato l’articolo di chi si trova in aula e riesce a sintetizzare gli aspetti più importanti di una giornata. Questa vale se sei tra il pubblico o devi tenere uno speech.

Il lavoro si svolge in entrambi i casi, c’è sempre la possibilità di pubblicare un resoconto ricco di notizie e informazioni. Se sei tra i relatori puoi aggiungere le slide dell’intervento e puntare sui video. Ad esempio pubblicando le registrazioni ufficiali, oppure chiedendo a un amico di filmare il tuo lavoro. Per poi caricarlo su YouTube.

In questo modo crei un contenuto completo per chi non è potuto venire: testo, slide e video. Quasi come essere in aula, non credi? Se sei tra il pubblico, invece, puoi organizzare un live su Facebook oppure riprendere diversi interventi per fare un montaggio. E presentare il meglio dell’evento. In questo caso devono esserci le informazioni giuste, ma si deve anche percepire l’atmosfera dell’evento.

Il dettaglio che fa la differenza: acquista un microfono a clip per avere un ingresso audio capace di catturare le voci nel miglior modo possibile. Se sei in viaggio ti basta la videocamera dello smartphone, e con un microfono di 20 euro fai la differenza se intervisti un collega.

 

Recensione

Molti blogger puntano sulle recensioni, testi scritti per dare la propria opinione su un prodotto o servizio. Attenzione, Google penalizza i blogger che vendono link anche in cambio di prodotti materiali e non solo di denaro. Ma se rientri nelle norme di Mountain View la recensione è un contenuto prezioso per il lettore, e per guadagnare con le affiliazioni.

Soprattutto se questa recensione è scritta con oggettività, seguendo le regole della buona comunicazione online. Non ho bisogno di sviolinate: voglio sapere se questo prodotto è adatto a me, cosa può fare, quanto costa, quali sono i suoi pregi e i difetti.

Non tutto può essere descritto con le parole, le recensioni diventano l’occasione giusta per rispolverare il canale YouTube e creare dei contributi video. Questo avviene quando devi affrontare temi che richiedono una buona attenzione verso la gestione dell’oggetto. Ad esempio un telefonino o un computer: avere una recensione video in questi casi può fare la differenza.

 

Tweet: yourbrand.camp
Fare blogging senza dimenticare i video: unione perfetta.

#Bloggingtips #YBC @RiccardoE

 

Ultime notizie

Non è difficile trovare blogger che pubblicano articoli settimanali o mensili per raccogliere le notizie del settore. Lo fanno perché è un servizio comodo, apprezzato dai lettori: grazie al mio blog di fiducia individuo le informazioni che servono, elimino il rumore di fondo. Chi confeziona questi articoli, d’altro canto, deve lavorare sodo per trovare le fonti migliori.

Tutto questo può essere riassunto su un articolo, magari presentato come lista puntata con link alla fonte, e può essere accompagnato da un video. Un contenuto per elencare e commentare le novità. In questo caso l’attenzione è rivolta alla tua capacità di dare una lettura critica della notizia.

Il valore del contenuto non sta nell’informazione pura e semplice. Devi metterci qualcosa di tuo, devi raccontare la tua opinione, il tuo punto di vista, la tua esperienza personale. E lo devi fare senza economia: metti in campo la tua personalità.

 

Case study

Sei in prima linea. Vuoi presentare un case study, un esperimento, un lavoro svolto per il tuo blog o per un cliente. Hai tanto da raccontare e ti assicuro che hai scelto bene: i lettori sono ghiotti di esperienze. Ma non solo di successi, attenzione: gli insuccessi sono importanti per chi ti legge.

Chiaro, preferisci mostrarti come un professionista vincente, selezioni solo i lavori che mettono in luce le vittorie: lo posso capire, non temere. In ogni caso devi pensare a un buon contenuto per presentare il case study. Ti consiglio di programmare un articolo ricco, con una premessa metodologica e uno sviluppo. Capace di giungere a conclusioni chiare.

Non tutti però vogliono leggere quel papiro che hai pubblicato sul blog, magari puoi fare una sintesi e proporla in forma video. Quando pubblichi un case study puoi studiare un prodotto capace di mostrare al pubblico gli aspetti del lavoro svolto, magari intervallando il tuo volto con schermate di grafici e pagine web.

Attenzione allo sfondo. In un video pensato per commentare un case study puoi lavorare con un'inquadratura in primo piano, concentrata sulla tua persona e su quello che dici. Ma cura sempre ciò che si trova dietro: lo sfondo deve essere neutro o adeguato all'argomento che stai affrontando. In ogni caso deve essere curato.

 

Blogging e video: la tua opinione

Queste sono le situazioni che ti consentono di fare la differenza e di ottenere buoni risultati. Oggi il contenuto di qualità racchiude formule e codici differenti: non puoi proporre ai lettori del blog solo contenuti testuali. Per fare la differenza devi dare al lettore qualcosa in più. Per comunicare informazioni o emozioni, qui sei tu il regista e scegli cosa è meglio per chi ti segue.

Allora, hai iniziato a fare blogging? Sei in grado di sfruttare i video sul blog o credi che questo codice non si adatti alle tue caratteristiche? Anche io lo pensavo, poi ho capito che ci sono ampi margini di miglioramento se acquisti una buona strumentazione e se fai esercizio. Vuoi qualche consiglio per i tuoi video? Lascia le domande nei commenti.

 

Tweet: yourbrand.camp
Completa i tuoi articoli con una buona attività di video blogging.

#Bloggingtips #YBC @RiccardoE

 
 


Potrebbero interessarti anche:

Come migliorare il visual del tuo food blog

7 modi per investire (il giusto) e fare blogging spendendo

Come posso far conoscere il mio blog?

Le (vere) differenze tra blog e sito web

Come diventare influencer scrivendo sul blog

9 tool per il calendario editoriale del tuo blog

Come ottimizzare il tuo travel blog (e iniziare a guadagnare)

Come creare un food blog: strategia e contenuti

Come ottenere link al proprio blog: 4 strategie che funzionano

Come aumentare le visite del blog con il tag title

Come pubblicizzare il blog e aumentare la visibilità dei post

Voglio aprire un blog: 5 dubbi che devi risolvere ora

Video blogging: l’attrezzatura necessaria per fare video di qualità

L'affiliazione è un buon modo per guadagnare col blog?

Microcopy per blogging: come migliorare i tuoi testi

Perché un blogger deve fare content curation?

3 fonti da analizzare per migliorare i tuoi video

Come diventare un blogger produttivo

Video e podcast: canali alternativi per fare blogging?

Blogging: qualche consiglio per iniziare e non mollare

7 plugin Firefox indispensabili per fare blogging

Il tuo ecommerce ha bisogno di un blog?

Come e perché creare una landing page per il tuo blog

5 esempi di grande video blogging

5 consigli per iniziare alla grande il tuo Vlog

Come scoprire e ringraziare chi ti linka

Video Blogging: perché comunicare con i video?

Blogging efficace: scrivere per raggiungere risultati

Commenti del blog: quale piattaforma scegliere?

Gestire una redazione di blogger: 6 strumenti indispensabili

Come scegliere il font per il tuo blog

Strategie di blogging: come fidelizzare il lettore con i contenuti

7 tool che cambieranno la tua vita di blogger

Quali sono gli obiettivi del tuo blog?

I commenti di un blog sono veramente importanti?

Tag title e description: come accontentare Google e lettori

Google Analytics: 4 metriche indispensabili per un blogger

Come integrare i video in una blog strategy

Blog tour e turismo: binomio perfetto

Quando il blog diventa slow web

Blog e immagini: 9 strumenti per semplificarti la vita

Aziende e agenzie: come scegliere un blogger

Vuoi dare nuova vita ai vecchi post?

Blog aziendale: è proprio necessario?

7 plugin Wordpress veramente indispensabili

La blogosfera in Italia: a che punto siamo?

Visual Storytelling: le migliori app per photocollage

Un blogger tutto per te (e quando ti ricapita?)

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, webwriter e blogger freelance. Si occupa di formazione per professionisti e PMI, tiene corsi di formazione dedicati al mondo della scrittura online. Ha scritto un libro: Fare blogging, il mio metodo per scrivere contenuti vincenti. Il suo obiettivo: trasformare ogni blog in uno strumento per raggiungere grandi obiettivi.

Seguimi su: