Blogging: qualche consiglio per iniziare e non mollare

Avere un blog: curarlo o mollarlo? Fare blogging significa avere passione, dedizione e stile personale. Il primo post arrivato dalla nostra call for talents!


E' in corso la nostra iniziativa: Call for Marketing Talents. Per YBC infatti è importante conoscere sempre nuovi talenti e collaborare con loro, sia come iscritti alla nostra community, sia come nuovi redattori per il nostro blog! La Call, dedicata a tutti i blogger (e non) appassionati di Marketing - perché la comunicazione in Rete si può fare in modo divertente, coinvolgente, utile, ma ha bisogno di voi - ci ha fatto conoscere Pier(ef)fect. A lui la penna!


Ancora oggi, quando mi capita di raccontare che ho un blog, c’è chi mi guarda come se avessi detto che provengo da Marte; non tanto perché chi mi ascolta non conosce il mezzo, quanto perché ritiene che sia qualcosa che richieda molto tempo, o al contrario pensa che sia una perdita di tempo. I blog invece sono una risorsa inesauribile (e gratuita, che non guasta) di informazioni, idee, suggerimenti, spunti di riflessione e condivisione. 

Un blog, al contrario dell’immediatezza imposta da altri social, riesce a cogliere l’ampiezza e la continuità della tua voglia di condividere, che sia il tuo quotidiano o la tua professione – perché sì, anche un blog può essere un modo per fare marketing. Non ricordo bene l’esatto momento in cui mi son detto “ok, clicca il tasto pubblica” ma ricordo i tentativi di trovare la piattaforma più giusta per le mie esigenze; e se non ci provi, difficilmente puoi capirlo.
Molti hanno tentato la strada del blogging solo con la speranza di acquisire fama, popolarità ma anche introiti economici e subito, appena non giungono queste gratificazioni, si avverte il colpo e si tende a mollare.

È vero: commenti, visualizzazioni, collaborazioni sono un bel riconoscimento per chi investe del tempo in un blog ma non sono tutto e non sono immediati. 
 

Fare blogging vuol dire dare e darsi ma (quasi) gratis

E darlo a chiunque, indistintamente. Il successo di un blog può arrivare ma devi capire dove andare a parare. 
Molto spesso si legge che per avere successo con un blog bisogna specializzarsi in un settore così da diventarne un punto di riferimento.

In parte è vero, perché parlare di cose di cui non conosciamo bene tutti gli aspetti, ci fa apparire come poco affidabili ma è importante innanzitutto provare a fare del proprio meglio. Intanto scrivere bene. I refusi possono capitare, gli errori grammaticali no. Si imparano tante cose a correggersi, ed è, prima di tutto, una crescita personale.
 

Tweet: yourbrand.camp

Fare blogging: dare e darsi ma (quasi) gratis 

#YBC #Bloggingtips  #Calltalents @Pier_ef_fect


Sviluppare uno stile tuo, personale

Ci vuole moltissima esperienza per trovare un proprio stile nel fare blogging e tutto dipende dal tema che stai trattando. Uno stile più asciutto, lineare, diretto e comprensibile, va bene se ad esempio stiamo spiegando qualcosa, che sia descrivere la nostra azienda o recensire un film.  Mentre un linguaggio più colloquiale e intimo è adatto a raccontare le nostre impressioni su un prodotto o il nostro quotidiano. 

Fare blogging vuol dire mettersi in gioco. Una delle cose che i blogger non dicono spesso è che un loro articolo è stato frainteso negli intenti o nei contenuti. Molte volte, ad esempio, sei stanco e frustrato dalla giornata,  pubblichi un post in cui ti sfoghi, e  alcuni fra i tuoi lettori iniziano a pensare che stai male e stai passando chissà quale periodo burrascoso ma in realtà hai solo perso la metro ed è stata una giornata piovosa. O ancora, quando decidi di passare da argomenti seri a temi più leggeri: chi non ti conosce bene potrebbe pensare tu sia soltanto il blogger delle frivolezze, o, peggio, che sei cambiato, mentre tu volevi solo variare un po’ gli argomenti del tuo blog.

Tuttavia non tutto è perduto, anzi questo può essere un modo per stimolare uno scambio di opinioni, ed hai sempre la possibilità dimostrare che sei quello del serio e del faceto. D’altronde i commenti sono spesso il carburante del blog e non di rado ci portano a riflettere con una visione ancora più ampia.

Altre volte però può essere un’arma a doppio taglio specie se vogliamo veicolare un messaggio ben preciso.


Ci vuole pazienza anche per crescere

Probabilmente non avrai mai questo successo enorme ma non importa perché l’unica strada corretta, la migliore, da seguire è quella che ti suggerisce il tuo istinto e la tua creatività. Quello che importa, invece, è che non si esaurisca mai la voglia di condividere, di creare, di farsi ispirare e di lasciare una impronta.
 

Tweet: yourbrand.camp

Stile personale, pazienza,crescita per avere un blog

#YBC #Bloggingtips  #Calltalents @Pier_ef_fect


Ha risposto alla chiamata.. Pier(ef)fect

Studente con uno smodato interesse per tutte le forme di comunicazione digitale, come strumento di marketing ma anche di crescita personale, professionale e, perché no, intrattenimento. Al termine "influencer" preferisco quello di "content creator". Ho la Sicilia negli occhi, un blog rosa e l'arcobaleno in testa.

Ho un blog: Pier(ef)fect

Seguimi su:

   

Redazione Marketing Camp

YourBrand.Camp è la prima piattaforma di Marketing Collaborativo e co-creazione, per aziende e persone della Rete che vogliono costruire valore insieme