Come integrare i video in una blog strategy

Il blog è uno strumento decisivo. Ma per migliorare la tua attività, per pubblicare grandi contenuti, devi guardare oltre la semplice pubblicazione di testi. Devi toccare anche i contenuti visual, quindi anche i video.

 

Sai qual è uno dei grandi errori nel mondo del blogging? Pensare che gli unici contenuti utili siano quelli legati alla scrittura. Gli articoli si scrivono, hanno un titolo, un sottotitolo, dei paragrafi e dei commenti. Tutto questo è legato alla scrittura.

 

Ma questa è una prospettiva miope, una soluzione che non puoi accettare. Oggi il content marketing abbraccia diverse soluzioni, variegate e diversificate in base agli obiettivi. E il mondo del blogging deve seguire questa linea, deve integrare contenuti, immagini e video.

 

Ecco, concentriamoci proprio su questo punto: qual è il percorso da seguire per integrare una strategia video con il blogging? Come puoi portare vantaggi al tuo progetto attraverso il sapiente uso dei video? Ecco una serie di consigli utili per fondere la scrittura e l’arte dei video nel web 2.0.

 

Tweet: yourbrand.camp

Blogging e content marketing: perché devi investire nei video?

#Bloggingtips #YBC @RiccardoE  

 

 

Obiettivi

Il primo punto da definire: qual è il tuo obiettivo? Perché vuoi investire nel settore video? Questi contenuti sono impegnativi, hanno bisogno di competenze e attrezzatura: non puoi creare un video di qualità con un normale telefonino, e non puoi montare un contenuto senza conoscere i principali programmi di editing.

 

Ecco perché devi inserire la creazione e la pubblicazione di video in un contesto ben preciso. Creare dei video, con relativo investimento di tempo e risorse, senza una strategia ben precisa è un errore. Un errore che si aggrava ancora di più se mancano gli obiettivi: vuoi approfondire i temi dei post? Vuoi completare un tutorial con un video? Vuoi utilizzare un video nella landing page per spiegare ai tuoi potenziali clienti la bontà del servizio?

 

Ti lascio un consiglio: a prescindere dall’obiettivo, prepara sempre una scaletta dei temi che vuoi affrontare. E non improvvisare. Mai. Devi avere sempre ben chiaro il prossimo passo da muovere.

 

Crea il tuo profilo Youtube

Il primo passo concreto per ottimizzare la tua attività di vlogger (video blogger): aprire un account Youtube sul quale caricare i video. I tuoi contenuti, infatti, hanno bisogno di una piattaforma in grado di ospitare i file e creare dei lettori da embeddare nei post, ma anche di una base per diffondere i propri contenuti sui motori di ricerca e nella community interna.

 

Per un blogger è importante avere un profilo su Youtube. Quando gli utenti inseriscono delle query su Google, la serp si arricchisce con i risultati video. Quindi anche con i contenuti del blogger che può sfruttare anche la diffusione interna /esterna nata grazie alle ricerche interne di Youtube.

 

Le persone cercano video, li condividono sui social, li commentano attraverso il form legato a Google Plus aumentando la viralità del contenuto. Sai cosa significa tutto questo? Diffusione del brand, delle proprie conoscenze.

 

Tweet: yourbrand.camp

Le persone cercano video, li condividono sui social, li commentano: sai cosa significa?

#Bloggingtips #YBC @RiccardoE  

 

 

Crea contenuti completi

Il modo migliore per sfruttare i video in un blog: creare dei contenuti completi, i famosi pillar article. Ovvero contenuti capaci di rispondere in modo approfondito a domande precise. Il pillar article è lungo, completo, ben argomentato. Ha tutte le risorse utili per soddisfare le esigenze dei lettori. E ha un ottimo potere in termini di posizionamento sui motori di ricerca.

 

Lo suggerisce anche Neil Patel: in media, i contenuti lunghi hanno maggiori possibilità di posizionarsi per le chiavi di ricerca che interessano il blogger. In questo scenario i video occupano un ruolo chiave: completano il contenuto, lo rendono interessante, costringono il lettore a rimanere sulla pagina per ascoltare le tue parole.

 

La domanda sorge spontanea: perché non usare altri video che soddisfano le tue esigenze? Perché investire risorse per creare dei video che forse sono già disponibili online? Perché in questo modo puoi confezionare un prodotto su misura, che soddisfi le esigenze dell’articolo. Soprattutto, puoi fidelizzare i lettori. Puoi creare un appuntamento fisso con chi ti legge per comunicare le tue conoscenze attraverso una formula diversa.

 

Tweet: yourbrand.camp

Con i tuoi #video puoi creare un appuntamento fisso con chi ti legge

#Bloggingtips #YBC @RiccardoE  

 

 

Pronto per una rubrica video?

Creare un appuntamento video per integrare i tuoi contenuti sul blog è un’ottima idea. Un punto deve essere chiaro: evita video di bassa qualità. Non ha senso arricchire i tuoi contenuti migliori con video inguardabili, registrati male e che presentano problemi audio e video. Ma che soprattutto non hanno un minimo di regia o di preparazione.

Sei d’accordo? Sei pronto per creare la tua rubrica video?

 

Tweet: yourbrand.camp

Prepara un grande rubrica video per il tuo blog, ma occhio alla qualità!

#Bloggingtips #YourBrandCamp @RiccardoE  

 

 

 

Potrebbero interessarti anche:

Blog tour e turismo: binomio perfetto

Quando il blog diventa slow web 

Blog e immagini: 9 strumenti per semplificarti la vita

Aziende e agenzie: come scegliere un blogger

Vuoi dare nuova vita ai vecchi post?

Blog aziendale: èproprio necessario?

7 plugin Wordpress veramente indispensabili

La blogosfera in Italia: a che punto siamo?

Visual Storytelling: le migliori app per photocollage

Un blogger tutto per te (e quando ti ricapita?)

 

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, webwriter e blogger freelance. Si occupa di formazione per professionisti e PMI, tiene corsi di formazione dedicati al mondo della scrittura online. Ha scritto un libro: Fare blogging, il mio metodo per scrivere contenuti vincenti. Il suo obiettivo: trasformare ogni blog in uno strumento per raggiungere grandi obiettivi.

Seguimi su: