Il tuo ecommerce ha bisogno di un blog?

Hai deciso di investire in uno shop online? Ottima idea, l’ecommerce può dare una mano alla tua attività. Anzi, può essere una vera e propria rivoluzione. Ma hai pensato anche alla presenza di un blog?

Spesso il blog viene legato al mondo dei passatempi e dei diari personali. O al massimo viene percepito come uno strumento per fare branding. Sono un freelance, voglio farmi conoscere e decido di aprire un blog per creare un curriculum in continua evoluzione.

Non male come idea. Ma c’è anche un settore del blogging che affronta il tema corporate. Il blog viene sfruttato per raggiungere obiettivi aziendali concreti. E questo vale anche per l’ecommerce, il sito web che ti permette di vendere prodotti. Avere un ecommerce vuol dire - almeno in teoria - aprire un negozio sulla scrivania di ogni cliente. O meglio, in tasca. Perché oggi gli acquisti si fanno anche e soprattutto dallo smartphone.

Per ottimizzare un ecommerce hai bisogno di una struttura articolata. Devi ingaggiare un esperto SEO che ti aiuti a migliorare l’ottimizzazione on page e la struttura del sito, senza dimenticare le attività off page. Anche il copy e il design richiamano le tue attenzioni. In altre parole, il lavoro necessario per far decollare un ecommerce è immenso. Ma c’è uno strumento che ti può dare una mano: il blog.

 

Tweet: yourbrand.campll tuo ecommerce ha bisogno di un blog. Ecco perché!

#Bloggingtips #Blogmarketing #YBC @RiccardoE  

 

L’ecommerce può trovare un aiuto concreto nel corporate blogging. Qual è la forma da dare a questo progetto? Devi scrivere e pubblicare articoli per spingere le schede prodotto? Questa è una strada interessante: l’ecommerce ha delle schede e puoi scrivere articoli per presentarle. Le persone leggono, cliccano sul link e comprano: sembra una buona idea, vero? Sbagliato, è una pessima soluzione per sfruttare un ottimo strumento.
 

I vantaggi del blog

Ci sono canali differenti per aumentare il traffico del tuo ecommerce. Puoi sfruttare l’ottimizzazione SEO e portare visite alle schede, puoi lavorare attraverso una buona strategia di social media marketing e fare un advertising mirato. L’obiettivo è sempre quello di farsi trovare al momento giusto da chi cerca qualcosa.
 


Stesso discorso vale per il blog. Ma in questo caso hai a disposizione uno strumento capace di farsi trovare su Google e di cavalcare l’onda dei social. I suoi contenuti possono rispondere alle esigenze dei potenziali clienti. Ma per sfruttarlo devi affrontare argomenti utili al target. E non pubblicare comunicati stampa o pubbliredazionali per convincere il lettore ad acquistare il tuo prodotto.

Non è questo il ruolo del blog aziendale legato a un ecommerce. La prospettiva giusta - o almeno quella che io appoggio - è puntata sulle esigenze pratiche. Per fare questo devi abbandonare quella che io chiamo la “voce del padrone”. Una voce che tende a incensare senza sosta il lavoro svolto.


Come sfruttare il tuo blog

La nostra è un’azienda giovane e dinamica, siamo leader del settore, i nostri prodotti soddisfano tutte le esigenze, siamo in grado di fornire l’assistenza necessaria”. Quante volte hai letto queste formule? E quante volte hai cestinato articoli inutili che tentavano di spingerti verso una scheda ecommerce? Puoi fare di più, puoi sfruttare il blog per ottenere risultati migliori. Qualche esempio?

  • Descrivi il mondo dei clienti - Niente di più semplice. Con l’aiuto di un bravo SEO puoi individuare i topic cercati dagli utenti online, e puoi creare articoli capaci di soddisfare esigenze specifiche. Esempio: vendi scarpe da ginnastica? Affronta i temi legati allo sport, aiuta il potenziale cliente a risolvere un problema, diventa un punto di riferimento per chi ama questo settore. Detto in altre parole, con un blog è facile creare valore aggiunto per chi cerca il tuo prodotto.

  • Crea relazioni - Il blog è un ottimo strumento per formare relazioni, per accorciare le distanze con il potenziale cliente. I commenti possono ospitare le discussioni, ma al tempo stesso nei post puoi mostrare attenzione verso problemi e necessità del cliente. Magari con un tone of voice diretto, empatico, non legato all’istituzionalità del sito. Senza dimenticare che puoi creare relazioni virtuose anche con altri blogger o influencer.

  • Fai customer care - Uno dei modi migliori per usare un blog collegato all’ecommerce. Sfrutta le domande e le esigenze dei clienti per creare contenuti: fa’ in modo che i tuoi articoli siano in prima pagina su Google quando le persone cercano soluzioni legate ai tuoi prodotti. E usa i link del blog per dare risposte rapide alle persone che chiedono chiarimenti nelle chat o via email.

  • Pubblica esperienza - Non ho detto che è vietato citare articoli e schede nel blog. Devi solo trovare una chiave per farlo senza annoiare. Un esempio può essere quello della competenza condivisa: hai delle statistiche che ti suggeriscono buoni numeri di vendita, hai un prodotto di punta. Pubblica un articolo e spiega come usarlo nel miglior modo possibile. Puoi mettere a disposizione la tua conoscenza, e dare delle indicazioni utili ai clienti.

Un dettaglio importate: per iniziare fare blogging non hai bisogno di grandi risorse. Ogni ecommerce ha la possibilità di ospitare un blog, in linea di massima per i principali CMS è così. Ma per ottenere dei risultati concreti nel tempo devi investire e non per qualche mese, ma minimo per un anno. O forse due. Nel mondo del blogging non esistono ricette magiche, ma strategie da testare.
 

La tua esperienza

Hai un ecommerce e credi che il blog sia la soluzione ideale per dare una spinta al tuo business? Non credo nelle combinazioni buone per tutte le stagioni, ogni caso è una realtà a parte: raccontami le tue necessità nei commenti, affrontiamo insieme l’argomento.


 

 

Potrebbero interessarti anche:
 

Come e perchè creare una landing page per il tuo blog?

5 consigli per iniziare alla grande il tuo Vlog

Come scoprire e ringraziare chi ti linka

Video Blogging: perché comunicare con i video?

Blogging efficace: scrivere per raggiungere risultati

Commenti del blog: quale piattaforma scegliere?

Gestire una redazione di blogger: sei strumenti indispensabili

Come scegliere il font per il tuo blog

Strategie di blogging: come fidelizzare il lettore con i contenuti

7 tool che cambieranno la tua vita di blogger

Quali sono gli obiettivi del tuo blog?

I commenti di un blog sono veramente importanti?

Tag title e description: come accontentare Google e lettori

Google Analytics: 4 metriche indispensabili per un blogger

Come integrare i video in una blog strategy

Blog tour e turismo: binomio perfetto

Quando il blog diventa slow web 

Blog e immagini: 9 strumenti per semplificarti la vita

Aziende e agenzie: come scegliere un blogger

Vuoi dare nuova vita ai vecchi post?

Blog aziendale: èproprio necessario?

7 plugin Wordpress veramente indispensabili

La blogosfera in Italia: a che punto siamo?

Visual Storytelling: le migliori app per photocollage

Un blogger tutto per te (e quando ti ricapita?)

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, webwriter e blogger freelance. Si occupa di formazione per professionisti e PMI, tiene corsi di formazione dedicati al mondo della scrittura online. Ha scritto un libro: Fare blogging, il mio metodo per scrivere contenuti vincenti. Il suo obiettivo: trasformare ogni blog in uno strumento per raggiungere grandi obiettivi.

Seguimi su: