Strategie di blogging: come fidelizzare il lettore con i contenuti

Scrivere bene è importante per un blog di successo. Ma altrettanto importante è il lavoro da svolgere per creare un pubblico sempre presente e attento. Come si ottiene questo risultato? Io preferisco lavorare con i contenuti di qualità.

 

Il primo passo di un blogger? Creare una piattaforma con Wordpress (o comunque con un CMS indipendente) capace di creare e pubblicare contenuti di qualità, utili per la propria nicchia. Questo è solo l'inizio del percorso, il primo step per costruire una buona base.

 

Subito dopo arriva un'esigenza comune a tutti i blogger: fidelizzare. Ovvero fare in modo che le persone considerino il tuo blog non come un punto di passaggio, ma come un riferimento stabile. Fidelizzare è importante perché ti permette di costruire un pubblico stabile, ma soprattutto perché ti consente di coltivare degli ambassador naturali.

 

Un ambassador è un lettore entusiasta del tuo lavoro, sempre attento e aggiornato, capace di diffondere il tuo contenuto. Senza costi, senza richieste. Un pubblico fidelizzato è l’ingrediente ideale per coltivare ambassador, persone felici di condividere e difendere il tuo brand. Come si fidelizza un lettore? Io ti consiglio di puntare sui contenuti.

 

Tweet: yourbrand.camp

Un pubblico fidelizzato è l’ingrediente ideale per coltivare ambassador

#Bloggingtips #YourBrandCamp @RiccardoE  

 

 

Primo passaggio: pubblicare con costanza

Pubblicare tutti i giorni è un lavoro duro, difficile da portare avanti nel tempo. E’ un impegno che dà i suoi frutti in termini di fidelizzazione: diventi una presenza costante nel circuito informativo. Le persone iniziano a leggere i tuoi articoli e a riconoscerti come fonte autorevole. Il tuo nome diventa una presenza fissa nelle condivisioni e nelle letture.

 

Non basta pubblicare tutti i giorni, devi anche puntare alla qualità dei post. Una qualità che deve seguire i gusti e le esigenze dei tuoi lettori. E le buone regole della scrittura online. Qualche punto da segnare in agenda:

 

1. Devi curare la leggibilità dei post

2. Assicurati che l’autore sia sempre riconoscibile

3. Elimina testo inutile e ridondante

4. Linka sempre la fonte più autorevole e utile

5. Rispondi ai commenti

 

Se vuoi essere inquadrato come una fonte quotidiana non puoi prescindere da questi passaggi. In questo modo puoi diventare un luogo virtuale di informazione, ma anche di discussione e approfondimento (i commenti servono a questo, giusto?).

 

Tweet: yourbrand.camp

I contenuti di qualità creano il tuo pubblico. Anzi, lo fidelizzano!

#Bloggingtips #YBC @RiccardoE  

 

 

Secondo passaggio: canali di fidelizzazione

Hai i contenuti di qualità, hai costruito (o stai costruendo) la tua autorevolezza in un circuito targettizzato. Ora devi individuare dei canali per raggiungere in modo sistematico i lettori. Io uso da anni questi strumenti e ho raggiunto buoni risultati:

 

1. Feed rss

2. Pagina e profilo Facebook

3. Twitter

4. Pagina e profilo Google Plus

 

In questa lista puoi inserire tutti gli altri social utili per la tua avventura. Ovvero per raggiungere e fidelizzare i lettori: devi individuare i luoghi in cui si ritrovano e li devi presidiare con una presenza costante e superiore. In questo circuito si inserisce anche la newsletter, anche se si tratta di uno strumento molto più raffinato del semplice feed rss.

 

In ogni caso devi curare questi strumenti per cooptare le persone interessate al tuo progetto, devi dare la possibilità di leggere i tuoi aggiornamenti. Quindi devi creare un calendario editoriale per ognuno di questi canali. L'obiettivo è sempre lo stesso: offrire una buona ragione per seguirti. 

 

 

 

Devi essere presente ovunque? No, ogni canale ha regole ed esigenze. Soprattutto, offre occasione di interazione. Un’attività decisiva per fidelizzare che richiede un grande investimento in termini di tempo. Bene limitato, bene prezioso. Quindi devi scegliere le piattaforme da presidiare: il feed rss è un meccanismo automatico, lo stesso non vale per i social e per la newsletter.

 

Terzo passaggio: offri qualcosa di unico

La stabilità dei contenuti è assodata, i canali di fidelizzazione ci sono. Ora hai bisogno di fare un passo avanti: ti devi far conoscere e devi fare in modo che il tuo nome si diffonda tra un pubblico interessato. Come puoi ottenere questo risultato? Con un contenuto straordinario.

 

Cosa intendo per contenuto straordinario? Qualcosa capace di rimanere nella cartella dei preferiti dei lettori, non un semplice post da condividere oggi e basta. Parlo di un lavoro in grado di attirare l'attenzione di una determinata nicchia. Qualche esempio concreto:

 

1. Un ebook

2. Un pillar article

3. Un’infografica

4. Un webinar

5. Un video corso

6. Una dispensa

7. Un case study

 

Ogni punto elencato deve essere inteso come un contenuto speciale, come una pietra miliare per chi si occupa di un determinato argomento. Non riuscirai mai a smuovere le acque con un articolo base: devi fare la differenza, devi importi sui competitor e dare un motivo in più alle persone per seguire i tuoi aggiornamenti quotidiani.

 

Non puoi cambiare il mondo con un articolo, non puoi pubblicare un case study o un pillar article al giorno. Puoi farlo con intervalli regolari per attirare ogni volta nuovi lettori, e per confermare quelli che già ti leggono: “Avete fatto la scelta giusta, qui troverete sempre grandi contenuti”.

 

La tua opinione

Qual è il punto essenziale di questa strategia di blogging? L’investimento. Non puoi fidelizzare i lettori con i contenuti con un investimento pari a zero, o minimo. Creare e pubblicare grandi contenuti ha un costo. Un costo diviso in fase di progettazione, creazione e distribuzione: sei pronto ad affrontare questo passaggio?

 

Tweet: yourbrand.camp

Creare e pubblicare grandi contenuti ha un costo: investi in qualità!

#Bloggingtips #YourBrandCamp @RiccardoE  

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche:

7 tool che cambieranno la tua vita di blogger

Quali sono gli obiettivi del tuo blog?

I commenti di un blog sono veramente importanti?

Tag title e description: come accontentare Google e lettori

Google Analytics: 4 metriche indispensabili per un blogger

Come integrare i video in una blog strategy

Blog tour e turismo: binomio perfetto

Quando il blog diventa slow web 

Blog e immagini: 9 strumenti per semplificarti la vita

Aziende e agenzie: come scegliere un blogger

Vuoi dare nuova vita ai vecchi post?

Blog aziendale: èproprio necessario?

7 plugin Wordpress veramente indispensabili

La blogosfera in Italia: a che punto siamo?

Visual Storytelling: le migliori app per photocollage

Un blogger tutto per te (e quando ti ricapita?)

 

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, webwriter e blogger freelance. Si occupa di formazione per professionisti e PMI, tiene corsi di formazione dedicati al mondo della scrittura online. Ha scritto un libro: Fare blogging, il mio metodo per scrivere contenuti vincenti. Il suo obiettivo: trasformare ogni blog in uno strumento per raggiungere grandi obiettivi.

Seguimi su: