Video blogging: l’attrezzatura necessaria per fare video di qualità

Hai deciso di puntare sul video blogging? Perfetto, una scelta importante. Però non basta avere un CMS e una piattaforma per pubblicare i contenuti: ecco la strumentazione necessaria.

 

Fare blogging non vuol dire solo scrivere, significa prima di tutto comunicare. Esporre il proprio punto di vista, fare in modo che le persone trovino i tuoi articoli per risolvere problemi. O per avere informazioni, per guadagnare ispirazione, per continuare a sognare.

Ci sono tanti motivi per comunicare, e lo stesso vale per gli strumenti a disposizione. Basta scrivere? Ok, è vero che la tradizione del blogger si orienta verso il testo - e che Google ama i siti ricchi e ben costruiti - ma puoi rapportarti in modi diversi con il pubblico.

 

Tweet: yourbrand.camp
Vuoi registrare grandi video? Ecco la strumentazione giusta.

#Bloggingtips #YourBrandCamp #YBC @RiccardoE



Ad esempio con il video blogging, dove non punti sul semplice testo ma sui video che possono essere integrati nella strategia generale. O possono diventare il perno dell’attività di content marketing. Condizione essenziale per far muovere tutto questo: devi creare qualità.

Come vuoi conquistare il pubblico, con prodotti scadenti? Devi registrare con la miglior strumentazione possibile, o almeno con la giusta soluzione per la tua realtà. Anche in relazione al budget. Allora, qual è l’attrezzatura necessaria per fare video di qualità?

 

Una piattaforma di hosting

Prima di iniziare ti serve una piattaforma di hosting. Un servizio per ospitare il lavoro. La strada che immagino per la mia attività di blogger? YouTube, senza dubbio. Questa è la condizione che molti professionisti sfruttano perché ti permette di:
 

● Caricare i contenuti che puoi embeddare nelle pagine web.

● Diffondere il lavoro grazie alla presenza sulla piattaforma social.
 

Idee diverse? La prima è Vimeo, un servizio simile a YouTube ma senza la spinta social che offre la piattaforma di Mountain View. Un’alternativa professionale, specifica per chi lavora con il video marketing, è Wistia: perfetto per vedere corsi e infoprodotti. Ma per l’attività di blogging io resto su YouTube.

 

Uno spazio adeguato

Tutto dipende dalla tua idea di video blogging. Se vuoi registrare all’aperto trova la giusta location e inizia a lavorare, ma se vuoi rimanere tra le quattro mura di casa o dell’ufficio hai bisogno di uno spazio isolato, al sicuro da tutti i rumori che potrebbero rovinare la registrazione. E le luci? Quelle vengono dopo.

 

Videocamera

Qui possiamo toccare soluzioni differenti in base al tipo di impegno economico. Quando si parla di videocamera hai solo l’imbarazzo della scelta, ma non devi spendere tanto per ottenere buoni risultati. Per una situazione da scrivania puoi orientarti verso una webcam che alcuni colleghi mi hanno suggerito su Facebook.

Parlo della Logitech C920, una webcam che promette ottime prestazioni a chi deve registrare video a un prezzo vantaggioso (intorno agli 80 euro). Per una cifra superiore c’è la Logitech C930e che offre delle caratteristiche tecniche superiori. Accessorio necessario? Il cavalletto per regolare la posizione nel miglior modo possibile.

 

 

Questo per la scrivania, e per le situazioni all’aperto? Molti confidano nello smartphone, ma ci sono tante videocamere compatte e macchine fotografiche (le Canon promettono bene) per registrare grandi contenuti. Per prendere una decisione puoi ascoltare i consigli di Paolo Grisendi, nel tutorial in alto.

 

Microfono

Difficile ottenere un buon risultato senza un microfono per catturare la voce. In questo caso molto dipende da cosa devi registrare, dalla tua attività come video blogger. Se lavori alla scrivania, se registri da una posizione statica, puoi optare per i modelli sul cavalletto.

The Blue Yeti è un ottimo prodotto per registrare la voce mantenendo una qualità ottima. Il prezzo è relativamente basso (intorno ai 150 Euro), ma se vuoi risparmiare c’è il Samson Meteor (nella foto) che supera di poco i 50 Euro.

 

 

Preferisci muoverti e parlare in piedi? Scegli uno dei tanti microfoni con clip che si trovano su Amazon. I prezzi sono bassi, ma ti consiglio di scegliere un modello superiore ai 20 euro con jack compatibile con la strumentazione. I più impegnativi dal punto di vista economico? Vai verso i modelli wireless.

 

Programma di montaggio

Chiaro, questo è un punto indispensabile. Per creare dei grandi video hai bisogno di un programma di editing: così puoi inserire la sigla, eliminare le imperfezioni, aggiungere dettagli una base musicale per migliorare il risultato finale. Io amo il montaggio essenziale, senza tanti artifici, ma è la tua creatività a decidere. I programmi indispensabili? Final Cut, iMovie, Adobe Premiere Pro. Per cortesia, niente Movie Maker.

 

Luci e sfondo

Sai cosa fa la differenza quando registri un video? Le luci. Puoi avere la miglior macchina a disposizione, ma se non hai le luci giuste rischi di registrare un prodotto scadente. La combinazione giusta? Un paio di softbox, sono l’ideale per definire la luce (un buon fotografo ti può aiutare a regolare il tutto).

 

 


Lo stesso discorso vale per lo sfondo: non puoi improvvisare, devi creare una situazione alle tue spalle che rispecchi la tua attività. Come me la immagino? Neutra per un video tecnico, contestualizzata per un lavoro creativo. Se ti occupi di ricette puoi registrare in cucina e se recensisci libri puoi pensare a una libreria. Insomma, devi portare il pubblico nel tuo mondo.

 

Tweet: yourbrand.camp
Video, audio, luci: cosa serve per fare video blogging?

#Bloggingtips #YourBrandCamp #YBC @RiccardoE

 

La tua opinione

Secondo te basta questo per creare dei buoni contenuti? Molti credono che sia sufficiente la webcam del computer per registrare video di qualità. In realtà non è sufficiente la prima camera che trovi, devi scegliere con attenzione la strumentazione. Sei d’accordo?



 

 

Potrebbero interessarti anche:

L'affiliazione è un buon modo per guadagnare col blog?

Microcopy per blogging: come migliorare i tuoi testi

Perchè un blogger deve fare content curation

3 fonti da analizzare per migliorare i tuoi video

Come diventare un blogger produttivo

Video e podcast: canali alternativi per fare blogging?

7 plugin Firefox indispensabili per fare blogging

Come e perchè creare una landing page per il tuo blog?

5 consigli per iniziare alla grande il tuo Vlog

Come scoprire e ringraziare chi ti linka

Video Blogging: perché comunicare con i video?

Blogging efficace: scrivere per raggiungere risultati

Commenti del blog: quale piattaforma scegliere?

Gestire una redazione di blogger: sei strumenti indispensabili

Come scegliere il font per il tuo blog

Strategie di blogging: come fidelizzare il lettore con i contenuti

7 tool che cambieranno la tua vita di blogger

Quali sono gli obiettivi del tuo blog?

I commenti di un blog sono veramente importanti?

Tag title e description: come accontentare Google e lettori

Google Analytics: 4 metriche indispensabili per un blogger

Come integrare i video in una blog strategy

Blog tour e turismo: binomio perfetto

Quando il blog diventa slow web 

Blog e immagini: 9 strumenti per semplificarti la vita

Aziende e agenzie: come scegliere un blogger

Vuoi dare nuova vita ai vecchi post?

Blog aziendale: è proprio necessario?

7 plugin Wordpress veramente indispensabili

La blogosfera in Italia: a che punto siamo?

Visual Storytelling: le migliori app per photocollage

Un blogger tutto per te (e quando ti ricapita?)

Riccardo Esposito

Riccardo Esposito, webwriter e blogger freelance. Si occupa di formazione per professionisti e PMI, tiene corsi di formazione dedicati al mondo della scrittura online. Ha scritto un libro: Fare blogging, il mio metodo per scrivere contenuti vincenti. Il suo obiettivo: trasformare ogni blog in uno strumento per raggiungere grandi obiettivi.

Seguimi su: