A caccia di blogger. Prima puntata

La blogosfera è un mondo popolato (anche) da brillanti e talentuosi web writer e content creators d’eccellenza. La mia mission è
trovarli, osservarli, analizzarli e sì, anche valorizzarli e farveli conoscere. Parola d'antropologa.

Prima d’iniziare, però, è buona norma ch’io mi presenti. Non amo definirmi, avendo fatto della multipotenzialità una delle mie caratteristiche preferite, ma dovendo scegliere credo che opterei per Antropologa Digitale. Vivo la rete cercando di non rimanerne invischiata e ho fatto dell’Osservazione Partecipante un modus operandi in tutte le sfere della mia esistenza. Per YBC mi occuperò della ricerca di nuovi talenti e anche di avere un occhio vigile sugli usi e costumi del mondo dei Brand e dei consumatori.

La caccia è iniziata, ma non c’è niente da temere. La mia missione è quella di setacciare l’internet alla ricerca di tastiere brillanti e che offrano contenuti di valore  Il blogging è come il mondo , c’è davvero di tutto e non solo per quanto riguarda la vastità degli argomenti trattati, ma anche per la qualità delle persone che utilizzano il blog come volano delle proprie idee, della propria creatività e della propria personalità.
 

Tweet: yourbrand.campNon tutto il "content" viene per nuocere. Quello intelligente produce valore

#ContentMarketing #YBC @VeroBarz

 

 

Per dare il via a questa rubrica ho scelto due blog molto diversi tra loro, ma uniti da un uso sagace, brillante e assolutamente non convenzionale dell’ironia. Il primo è Bennaker il blog di Simone Bennati. Romano, 32 anni, spazia dai temi sacri del Digital Marketing a quelli più profani del porno, passando per il Web Design e i video game . La sua abilità dialettica diretta e folgorante incanta; i necessari tecnicismi si accompagnano a sfumature di torpiloquio, soprattutto sui suoi account social. È volutamente eccessivo, spesso per rafforzare i concetti che esprime in maniera davvero professionale. Le sue osservazione sul mondo online non sono mai scontate, né banali. L’unica emozione che davvero non gli appartiene è la noia . Se volete farvi un’idea idiosincratica e impertinente sul mondo dei social e del web marketing, Simone Bennati fa al caso vostro.

O per dirla con un suo tweet :
A essere belli e bravi sempre ci si rompe i coglioni facilmente. Per fortuna non ho di questi problemi. (@Bennaker)

Il secondo è Avvocatolo, un blog istrionico come il suo autore, che scrive dietro strettissimo anonimato e che risponde al nick di Massimo Della Penna. È stato lui a scovare me ed è stato amore a prima lettura. Difficile catalogare lui e il suo blog. Preferisco usare una sua definizione “Credo che il file rouge siano le emozioni. Credo non manchino quasi mai. Potrei definirlo una sorta di spaccio aziendale di emozioni.”

E quando si muovono le emozioni giuste, con talento e spontaneità, le interazioni arrivano e i commentatori diventano community. Quelle community vere, sentite, che partecipano e condividono. Persone che non si fermano ad un like svogliato, cosa impossibile, visto che Massimo della Penna è sempre pronto ad acciuffare la vostra curiosità rilanciando la discussione, cambiando argomento e tornando alla discussione nel punto in cui era stata parcheggiata. Il suo blog è davvero un giro sulle montagne russe.

Ah. Se vi manca un tassello per comprenderne la folle sagacia del suo blog, vi svelo un segreto: di mestiere fa l’avvocato. Dice. Dicono. Ma poco importa, perché il suo personaggio è vero molto più di quanto sia verosimile. Non so se sia in grado di seguire la vostra causa in tribunale, ma so per certo che è in grado di ammaliarvi.

 

Tweet: yourbrand.campBlog come volano delle proprie idee, della propria creatività e della propria personalità

#Blogging #YBC @VeroBarz

Veronica Barsotti

Nasco antropologa e vivo da etnologa digitale. Ho fatto dell'osservazione partecipante il mio stile di vita e del Digital il mio mondo da esplorare. Onnivora di esperienze, libri, volti e relazioni. Dove non arrivo con l'empatia, mi gioco l'ironia. Odio le rime.

Ho un sito: www.veronicabarsotti.it

Seguimi su: