E tu, cosa pensi dell'influencer marketing? Rispondi al nostro sondaggio

In collaborazione con Bennaker, il nostro primo sondaggio sull’Influencer Marketing. Quanto ne sai e cosa ne pensi? Sii sincero!

  
Di Simone aka Bennaker avevamo già parlato qui, nella nostra rubrica di talent scouting, notando il suo stile sagace e non convenzionale, che “unisce tecnicismi e turpiloquio” senza timore di risultare scomodo o eccessivo.

Simone ha scelto il tema controverso degli Influencer (tutti cialtroni che vivono a sbafo?) per coinvolgere i suoi lettori in alcuni minisondaggi su Twitter, che hanno dato risultati interessanti
 



Intanto noi di #inflUTILITY riprendevamo estesamente l’argomento in questo Hangout.

(A proposito, avete già visto il nuovo sito e scaricato il Book?).


                                                                  

Il punto è che l’Influencer Marketing è diventato argomento di gran moda, oggetto di infiniti dibattiti tra sostenitori (fino a un livello industriale, con risultati qualitativi che non esito a definire imbarazzanti) e detrattori (coloro per i quali una collaborazione tra azienda e cosiddetto influencer è per definizione, a priori, sporca e cattiva).

"Capire qual è il sentimento della gente in relazione ad uno specifico fenomeno è qualcosa che mi ha sempre affascinato - dice Simone- specie quando il fenomeno scelto appartiene al mondo del web. Da questo punto di vista, l'Influencer Marketing è senza ombra di dubbio uno dei "tormentoni" del momento e, al fine di capire come viene avvertito dal pubblico, ho deciso di chiedere il supporto di Your Brand Camp".

Tweet: yourbrand.camp
#Influencermarketing, moda di eccessi: dalle catene di montaggio “industriali” agli irriducibili detrattori.

#YBC @flaviarubino666 @bennaker


Ma come la pensano i lettori, gli utenti della Rete, o come vogliamo chiamare le persone non addette ai lavori, al di fuori del solito “giro”? 
 

                                       


Dopo aver scambiato quattro chiacchiere davanti a una mucca alla Stazione Termini, io e Simone abbiamo deciso di fare le cose sul serio (sì, esatto, non fate facili ironie) e quindi abbiamo strutturato alcune domande in un vero e proprio sondaggio online  - ma restano poche e semplici – con l’obiettivo di allargare il più possibile la base degli intervistati e ottenere un dato numerico significativo.

A questo punto non resta che risponderci con la massima sincerità e aiutarci a dare diffusion al sondaggio. Ci risentiamo tra qualche settimana con l’analisi dei risultati.
 

Per iniziare il sondaggio Clicca QUI

Tweet: yourbrand.camp
Partecipa al sondaggio! Cosa ne pensi del #influencermarketing? In collaborazione con @Bennaker.

#YBC @flaviarubino666

 


 

Potrebbero interessarti anche: 

#InflUTILITY: un sito, un Book, un Camp 

Sinergia e valore condiviso: con gli influencer si lavora insieme

Reputazione una questione anche di #inflUTILITY

Quantità o qualità: la conversione è ciò che conta

C come Contesto: non esiste influenza senza congruenza

B come personal Branding: l'influenza nasce da qui

A come Autorevolezza: un fattore di influenza fondamentale

Influencer Marketing: si parte dalle necessità degli utenti

L'influenza e il kit del...contagio

Influencer Marketing (o relazioni)?

La mia teoria dell'Emotional Lead generation

Influencer Marketing: il profilo del blogger ideale secondo YBC

6 domande sull'Influencer Marketing

Influencer? Come produrre contenuti utili, piuttosto

Flavia Rubino

Prima direttore marketing e globetrotter in grandi aziende del largo consumo, poi fondatrice di The Talking Village e di YourBrand.Camp : crede che i tanti pregiudizi negativi sul marketing siano solo la conseguenza di quello fatto male, e che ancora troppo poco si sappia di quello fatto bene.

Seguimi su: