E tu, ne hai di Digital Education?

Nuove pratiche per un uso intelligente, sicuro e proficuo del digitale: questi saranno i temi affrontati il 17 dicembre a Milano in occasione di una giornata-evento unica nel suo genere. 

 

Ha tutti i requisiti per fare la differenza nel panorama degli eventi legati al Digital: ideato ed elaborato come format nazionale, roadshow con tappe in tutta Italia per il 2017, e frutto di una riflessione che va avanti da 3 anni, Il Corso di Formazione di Educazione Digitale debutterà sabato 17 dicembre 2016 al Tim Space di Milano. Abbiamo rivolto qualche domanda alla sua illuminata (e infaticabile!) creatrice, Rachele Zinzocchi, che ci spiega come stare al passo con le tecnologie ed il mercato senza trascurare due concetti chiave: Responsabilità e Aiuto. 
 



 

Ciao Rachele, come definiresti quello che hai fatto finora?

Quello, e in specie quanto farò in futuro, sta tutto in una frase. La mia mission, sul piano professionale e personale, non a caso riportata a chiare lettere sul mio sito – al debutto online a breve! – e sul mio profilo LinkedIn: Helping You Help & Be Useful To Succeed in Business & Life. Aiutarti, cioè, ad aiutare, a essere utile a te stesso e agli altri per aver successo nel business e vita. In tal senso, da Social Care Devoted, Utility & YoUtility Devoted come sono, non potevo che teorizzare quel che è per me il nuovo modello di business, un nuovo marketing come Help-Marketing. «Vuoi vendere? Aiuta!». Sell? Help! ROI è Responsabilità, Fiducia, Autenticità.

 

Educazione digitale: perché hai scelto un tema così complesso e non un workshop su come gestire efficacemente delle campagne di social ads (così per fare un esempio)? Come conti di affrontare un argomento così necessario eppur delicato?

Il Progetto #Digital #Education non è che conseguenza, una costola della mia vision basata sull’Help, sull’Help-Marketing. Io voglio che il digitale esplichi le sue potenzialità, proficuità, Utilità-Per-Te nel business come nella vita. A tal fine, però, si rende necessaria una nuova Educazione Digitale che reinterpreti la parola detta e scambiata in Rete come dialogo, colloquio autentico: come una condivisione di esperienze utili-per la persona, l’amico che abbiamo dinanzi online. Che, in sintesi, mostri il vero «Digitale Utile, l’Utile del Digitale», come da titolo del Corso: un progetto «umilmente ambizioso», perché mirato a esser davvero Utile Per Te. Ideato ed elaborato come format nazionale, roadshow con tappe in tutta Italia per il 2017, debutterà sabato 17 dicembre 2016, con una giornata-evento di formazione dalle 9.30 alle 17, nella prestigiosa sede di Tim Space a Milano (qui il sito del Corso http://www.educazionedigitale.info/).

Frutto di un’elaborazione triennale, lanciato ora sulla spinta di un’emergenza sociale, un dovere morale e civico non più rinviabile, il Progetto - nato dal mondo digitale, contro i suoi rischi, e in ciò alcol e per il digitale – si propone dunque come il primo vero, nuovo Corso di Formazione di Educazione Digitale con l’obiettivo di cambiare le cose dal profondo. Nasce, infatti, all’insegna di 3 concetti chiave mai declinati in questa veste:
 

  1. «Responsabilità» di avviare con coraggio un percorso di rinnovamento, innovazione e rottura degli schemi precostituiti nel segno di un’autentica, matura consapevolezza.
     
  2. Di che cosa? Della Rete e del mondo digitale come Strumento, non buono né cattivo in sé, ma in base all’uso che se ne fa.
     
  3. A qual fine? Per Aiutare tutti – famiglie, genitori e figli, ma anche addetti ai lavori e manager, consulenti e aziende, professionisti, persone comuni, nonché esponenti del mondo culturale, economico, politico e sociale - ad acquisire competenze e mezzi, nuove attitudini mentali e abitudini pratiche per un uso intelligente, sicuro, proficuo del mondo digitale: Internet, Websocial networksocial media, il mondo hi-tech.
     

 


 

Siamo curiosi del tuo punto di vista perché sei particolarmente esperta di relazioni on line e le curi con estrema attenzione. Secondo te, esiste un “mondo virtuale” distinto da uno reale? Da cosa valuti l’identità digitale di una persona e può capitare che sia molto diversa da quella… fisica? Questa cosa è un male o un bene?

Il punto non sta tanto nel dire se online e off line siano o meno distinti: anzi, in qualche modo lo sono. Decisivo, semmai, è capire che il «mondo virtuale» non è che la cassa di risonanza più ampia, mai vista sinora, del cosiddetto «mondo reale». Per questo diviene tanto più importante educare digitalmente a un uso responsabile e consapevole di quelli che, appunto, sono strumenti: non buoni né cattivi in sé, ma tali in base all’uso che se ne fa. Come un martello: utilizzabile per il bene – per appenderci un chiodo – o per il male – per uccidere qualcuno. È della capacità di questo buon uso che dobbiamo riappropriarci al più presto.

 

E il futuro cosa riserva?

Anzitutto il tour della #Digital #Education, con le già numerose tappe previste in giro per l’Italia. Su queste per ora non anticipo nulla - stay tuned! Nel frattempo, però, un consiglio da amica… Non perderti il debutto ufficiale! È essenziale essere con me, con noi, sin dall’inizio. Diventa da subito protagonista del cambiamento… Anche perché ti conviene! Per tutti gli amici di Your Brand Camp, infatti, ho riservato una sorpresa speciale: tutta l’intera giornata del Corso, sessione base più avanzata, a soli 59€ anziché 79€! Clicca qui e accedi direttamente alla offerta già scontata. Ora davvero non hai più scuse…

Io ci ho messo la faccia. Ora metticela anche tu!


 


 

Grazie a Rachele che non ci mette solo la faccia ma tonnellate di cuore e dedizione! 
BrandCampers, ci vediamo sabato 17 dicembre al Tim Space! wink



 

Potrebbero interessarti anche:

Il vero nuovo #Influencer? L’Intelligenza Artificiale

Il vero nuovo #Influencer? L’Intelligenza Artificiale #2

Influencer e B2B: la strategia SAP nel generare domanda con gli Influencer

Le due anime dell’#InfluencerMarketing

L’Influencer vero primo alleato della verità. Contro ogni #FakeNews

2017: l’Implosione della Fiducia e la responsabilità degli Influencers

Primo comandamento dell’influencer marketing: ascolta!

Digital Trends 2017: sii etico, filosofo e… #influencer Utile. Cinguettando su Twitter

Il valore dell'Employer Branding

Eventi da non perdere: il workshop di YBC allo IAB 2016

Gli influencers per i brand? Decisivi. Specie se sono micro-influencers

Eventi da non perdere: YBC al SOCIAL CASE HISTORY FORUM 2016

Influencer Marketing come macchina per far soldi: una metastasi

Social Media Trends 2016: regno dell’#Ads, deserto #SocialCare

Quando i brand incontrano le persone

«Caro influencer, un cane ti seppellirà». O no?

Influencer: il confronto prima di tutto

Social Proof Marketing Hangout

L’«influenza»? La misura l’Intelligenza. Artificiale… (O no?)

#InflUTILITY: 10 ruoli per gli influencer davvero utili

Social Media Week Roma: mostriamo l’#InflUTILITY in azione

Influencer Marketing Trends: la nuova moda? La responsabilità

4 consigli per essere influenti con l'utilità

YourBrand.Camp è partner di Mashable Social Media Day Italia

L'influenza non è solo una questione individuale

Se vuoi diventare un love brand hai bisogno di influencer che ci mettano il cuore

Polli, the Italian Social Food: tre blogger cacciatori di tendenze

Influencer e Influencer Marketing: ecco cosa avete detto

Azienda, stai facendo Product Placement o Influencer Marketing?

L’influenza Utile, L’Utile dell’Influenza

Trasparenza la regola non l'eccezione

Cosa significa Branding Partecipativo? Ne parliamo il 1 luglio a Rimini

Al Global Summit di Bologna si parla di Ecommerce, Reputation e Influencer Marketing

Credibilità, la parola magica dell'influenza

Promozioni che funzionano su internet: la case history Dyson

Aiuto dunque Influenzo (e Vendo)

L'unione fa la forza: i converged media

I nostri Camp di giugno!

E tu, cosa pensi dell'influencer marketing? Rispondi al nostro sondaggio

#inflUTILITY: un sito, un Book, un Camp

Consigli per gli acquisti, questione di fiducia

Sinergia e valore condiviso: con gli influencer si lavora insieme

Reputazione: una questione anche di #inflUTILITY

C come Contesto: non esiste influenza senza congruenza

B come personal Branding: l'influenza nasce da qui

Quantità o qualità. La conversione è ciò che conta!

A come Autorevolezza: un fattore d'influenza fondamentale

Influencer marketing: si parte dalle necessità degli utenti

Influencer Marketing (o relazioni)?

Redazione Marketing Camp

YourBrand.Camp è la prima piattaforma di Marketing Collaborativo e co-creazione, per aziende e persone della Rete che vogliono costruire valore insieme