Influencer e B2B: la strategia SAP nel generare domanda con gli Influencer

Nel comparto industriale è sempre più vitale dimostrare competenza per distinguersi dai competitor. Un’attività che gli influencer rendono non solo possibile, ma performante.


Nel mercato B2B l’attenzione al content marketing è un fenomeno in ascesa. La qualità di contenuti e dei veicoli di trasmissione sono percepiti come caratteristiche fondamentali per arrivare a creare un messaggio efficace. Come riportato dal Content Marketing Institute (CMI), il 76% delle aziende ha incrementato la spesa nella creazione di contenuti nel 2016, trainati dall’intento di generare lead ed aumento delle vendite.

 

Tweet: yourbrand.camp
#contentmarketing in ascesa: 76% delle aziende ha incrementato spesa in creazione di contenuti nel 2016

@MatteoPogliani #YBC #InflUTILITY

 

Nella considerazione di questi due ultimi risultati verso cui protendere, si rinnova continuamente la ricerca di un mezzo per rendere sempre più incisivi e mirati i contenuti prodotti. In questo, coinvolgere un’influencer per la diffusione del messaggio arricchisce con una nuova dimensione l’esperienza del consumatore con il brand.

 

SAP: quando l’influencer marketing entra nel B2B

Un esempio interessante (ed inusuale) è senza dubbio quello di SAP, il più celebre E.R.P. a livello globale. Inusuale proprio per il settore ed il tipo di prodotto che è SAP, senza dubbio lontano dal luccicante mondo di fashion blogger ed instagramer, ma non per questo privato della possibilità di usufruire del potenziale dei giusti influencer.




 

Un primo passo nella strategia di SAP è quello di cercare soggetti con caratteristiche adatte e specifiche al pubblico mirato. Le figure interpellate sono accademici, consulenti ed autori indipendenti, che hanno influenza su di un audience ben determinata. Programmando un’attività che crea opportunità e coinvolge direttamente questi influencer, SAP produce contenuti davvero efficienti nella generazione di un circolo virtuoso tra influencer e domanda.

 

Gli eventi dal vivo e il coinvolgimento degli influencer

In secondo luogo, grande importanza è data agli eventi, a cui i diversi influencer presenziano fisicamente. Questo conferma il trend evidenziato da CMI sull’efficacia dei veicoli di trasmissione del content, dove gli eventi dal vivo sono risultati essere il miglior canale per diffondere i contenuti. Parlare direttamente ad un audience interessata tramite voci autorevoli permette alla storia di assumere caratteri ed un fascino superiori.

 

Tweet: yourbrand.camp
Gli #eventi dal vivo sono risultati essere il miglior canale per diffondere i #contenuti

@MatteoPogliani #YBC #InflUTILITY

 

Nel caso di compagnie a livello globale come SAP, sorge poi l’interrogativo sul come differenziare le varie attività d’influenza in base ai diversi bacini d’utenza. La connessione tra pubblico ed influencer non è trasversale, ma si basa sull’area in cui questo ha un’effettiva autorità. Per questo SAP svolge un lavoro accurato nell’affidare al giusto influencer il messaggio da diffondere, verificando che questo sia connesso all’audience target.

 

Tweet: yourbrand.camp
Affida al giusto Influencer il messaggio da diffondere e verifica che sia connesso al tuo target

@MatteoPogliani #YBC #InflUTILITY

 

Sapphire, keynote delle innovazioni annuali di SAP, è il sunto di tutto questo. L strategia dell’evento ha evidenziato la forza travolgente del coinvolgimento dei digital influencer nelle piattaforme social. Dai circa 20000 presenti all’evento, coinvolgendo influencer in interviste poi condivise tramite pagine e gruppi Facebook rilevanti, Sapphare ha raggiunto più di 80000 spettatori, ingaggiando anche chi, per vari motivi, non poteva essere presente.

 

Tweet: yourbrand.camp
L’#Influencer come tramite per dimostrare #knowhow nel #B2B

#InflUTILITY #YBC @MatteoPogliani

 

Il punto che permette di creare tutto questo è infine il rapporto vero che si crea tra la company e l’influencer stesso. Se questo è trattato al pari di un cliente, com’è nella pratica di SAP, la soddisfazione ed l'esperienza positiva del rapporto traspariranno anche dal messaggio che influencer indirizza verso la sua audience. Scelti i giusti profili in base all’expertise, un legame diventa effettivo quando si dà all’influencer la possibilità di vivere da dentro l'identità del brand, coinvolgendolo nella vita aziendale ed ascoltando i suoi feedback.

 






Conosci il nostro Influencer Marketing collaborativo?
Visita il sito e scarica il Book!

 

 


 

Potrebbero interessarti anche:

Il vero nuovo #Influencer? L’Intelligenza Artificiale

Il vero nuovo #Influencer? L’Intelligenza Artificiale #2

Le due anime dell’#InfluencerMarketing

L’Influencer vero primo alleato della verità. Contro ogni #FakeNews

2017: l’Implosione della Fiducia e la responsabilità degli Influencers

Primo comandamento dell’influencer marketing: ascolta!

Digital Trends 2017: sii etico, filosofo e… #influencer Utile. Cinguettando su Twitter

E tu, ne hai di Digital Education?

Il valore dell'Employer Branding

Eventi da non perdere: il workshop di YBC allo IAB 2016

Gli influencers per i brand? Decisivi. Specie se sono micro-influencers

Eventi da non perdere: YBC al SOCIAL CASE HISTORY FORUM 2016

Influencer Marketing come macchina per far soldi: una metastasi

Social Media Trends 2016: regno dell’#Ads, deserto #SocialCare

Quando i brand incontrano le persone

«Caro influencer, un cane ti seppellirà». O no?

Influencer: il confronto prima di tutto

Social Proof Marketing Hangout

L’«influenza»? La misura l’Intelligenza. Artificiale… (O no?)

#InflUTILITY: 10 ruoli per gli influencer davvero utili

Social Media Week Roma: mostriamo l’#InflUTILITY in azione

Influencer Marketing Trends: la nuova moda? La responsabilità

4 consigli per essere influenti con l'utilità

YourBrand.Camp è partner di Mashable Social Media Day Italia

L'influenza non è solo una questione individuale

Se vuoi diventare un love brand hai bisogno di influencer che ci mettano il cuore

Polli, the Italian Social Food: tre blogger cacciatori di tendenze

Influencer e Influencer Marketing: ecco cosa avete detto

Azienda, stai facendo Product Placement o Influencer Marketing?

L’influenza Utile, L’Utile dell’Influenza

Trasparenza la regola non l'eccezione

Cosa significa Branding Partecipativo? Ne parliamo il 1 luglio a Rimini

Al Global Summit di Bologna si parla di Ecommerce, Reputation e Influencer Marketing

Credibilità, la parola magica dell'influenza

Promozioni che funzionano su internet: la case history Dyson

Aiuto dunque Influenzo (e Vendo)

L'unione fa la forza: i converged media

I nostri Camp di giugno!

E tu, cosa pensi dell'influencer marketing? Rispondi al nostro sondaggio

#inflUTILITY: un sito, un Book, un Camp

Consigli per gli acquisti, questione di fiducia

Sinergia e valore condiviso: con gli influencer si lavora insieme

Reputazione: una questione anche di #inflUTILITY

C come Contesto: non esiste influenza senza congruenza

B come personal Branding: l'influenza nasce da qui

Quantità o qualità. La conversione è ciò che conta!

A come Autorevolezza: un fattore d'influenza fondamentale

Influencer marketing: si parte dalle necessità degli utenti

Influencer Marketing (o relazioni)?

Matteo Pogliani

Consulente di Comunicazione, Influencer digitale, blogger, cestista & runner. Lavora in Open-Box, dove si occupa di strategie web e social media. Autore del libro "Influencer Marketing".

Ha un sito: www.matteopogliani.it

Seguimi su: