L’Influencer vero primo alleato della verità. Contro ogni #FakeNews

In attesa del #SocialCom17 ci chiediamo: può una «influenza etica» o una nuova «etica dell’influenza» porsi come arma contro le manipolazioni dell’informazione che rischiano di darci in pasto a totalitarismo, tirannia, dispotismo e antidemocrazia? Può e deve.

 

Influenza etica, etica dell’influenza: quasi un paradosso, in tempi come i nostri – l’«età della scienza e della tecnica», preconizzava già un secolo fa il filosofo tedesco Martin Heidegger nel suo «Essere e Tempo» – ben lontani da quell’umanesimo di cui, anche e proprio nel digitale, si sentirebbe il bisogno. Un Umanesimo Digitale capace di far da scudo a un’ignoranza – come semplice non conoscenza, ma anche volontà di chiudere gli occhi dinanzi al vero – che troppo spesso ormai impera, rendendo il nostro mondo online e offline regno di notizie errate, sbagliate o false, parziali quando non di parte, manipolate da algoritmi, Intelligenze «Artificiali» o da mano umana. Che però sa bene dove indirizzarti. Là, cioè, dove nasce il rischio per la libertà di pensiero e azione, tanto per il singolo quanto per la società in ogni suo aspetto: economico, politico, istituzionale, educativo, del mondo della stampa, dell’informazione e della comunicazione. In una parola, la democrazia.

 

Ecco il mondo in cui viviamo oggi: monopoli sempre più dilaganti, nelle loro diverse facce. Quei «monopoli» contro cui si scaglia costantemente Ben Thompson, Influencer par excellence che proprio della sua etica ha fatto un Manifesto, ben distante e, anzi, all’opposto rispetto a «l’altro» Manifesto, quello di Zuckerberg dello scorso febbraio, Building Global Community: apparente rinnovo del primo comandamento alla base di ogni social e di Facebook in particolare - «Rendere il mondo più aperto e connesso» – mentre si pone come un altro mattone verso la sua conquista di quel mondo stesso, rivelando dunque la vera natura di quella promessa perenne come, al contrario, perennemente tradita.

Può forse una «influenza etica», una nuova «etica dell’influenza», porsi come arma, addirittura proprio la prima, contro simili deviazioni, manipolazioni dell’informazione, di pensiero e azione, che rischiano di farci finire preda di totalitarismo, tirannia, dispotismo, antidemocrazia?

Può e deve. Dirò di più: le conviene pure.


Questa, infatti, la grande scoperta: null’altro che la riscoperta dell’autentica mission di chi ha potere di influenzare, indirizzare gli altri in preferenze e scelte. Un recupero del proprio DNA da parte dell’Influencer che è non solo dovere morale e civico, urgenza sociale non più rinviabile, utile e indispensabile per la società tutta, bensì proficuità, guadagno, ricchezza anche e soprattutto per gli Influencers. Rispondendo così di nuovo alla loro vocazione più propria, infatti, otterranno migliori risultati e performance: a tutto vantaggio loro e dei brand che rappresentano.

Queste sono le domande, questa la risposta che darò mercoledì 10 maggio alla Camera dei Deputati nel mio intervento al convegno #SocialCom17 La Comunicazione al Tempo dei Social - Verità, post-verità, alternative fact. Lo storytelling diviene realtà?, nel panel dedicato al tema «Post-Verità. L’etica dell’influenza». Un palcoscenico quanto mai pregiato, ove mi onora essere stata invitata - alla presenza del Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini e di leader politici, rappresentanti istituzionali, giornalisti, top manager, comunicatori, blogger e Influencers – per ribadire con ancora più forza quello che è il mio pensiero da sempre. Il vero Influencer Marketing è #HelpMarketing e, più globalmente ancora, #HelpFullNess: il Nuovo Marketing dell’Aiuto, dell’«Utilità-Per-Te», il nuovo modello di business e, più in generale, la nuova chiave del successo in tutto, la «ricetta segreta» per il raggiungimento dei propri traguardi e obiettivi nel lavoro e nella vita.

 

Tweet: yourbrand.camp
Autenticità, Affidabilità, Amicizia, Awareness: sono le "4 A" del modello #SellHelp

#YBC @Raquel75 


 

Un modello che si riassume in una parola, anzi 3 - «Vuoi vendere? Aiuta!» Sell? Help! o, in hashtag, #SellHelp. Qui ROI è Responsabilità, Fiducia, Affidabilità, Autenticità, Amicizia «Vera», Amore per la Verità. Quattro sono qui le keywords che ne definiscono l’essenza – le «4 A» cui fa capo la sua strategia: Autenticità, Affidabilità, Amicizia, Awareness specchiata, alta non solo quantitativamente, come mera popolarità, buzz, ma qualitativamente in primis.

Aiuta, avrai successo, nel business e nella vita. Un Essere Utile per Avere l’Utile, un Fare l’Utile con l’Utilità, corrispondente in pieno alla mission dell’Influencer che, fondatamente inteso, è chi guida e ispira in quanto condivida Esperienze Utili-Per-Te, dimostrandosi in ciò Responsabile, Affidabile, Autentico, Amico «vero» del proprio network e della Verità. E, perciò, di assai maggior valore per tutti.

 

Tweet: yourbrand.camp
Web e Social possono essere spietati: la scelta non sta nell’essere digitali o meno, ma nel come esserlo!

@Raquel75

 

Web, Rete, Social, Digital possono essere belli e buoni, ma anche spietati, come la vita: la sola scelta che abbiamo non sta nell’essere digitali o meno, ma nel come esserlo. Se dunque, in uno scenario simile, due sono gli allarmi – un Influencer Marketing Falso, come «mercato delle vacche», «notte in cui tutte le vacche sono nere» di hegeliana memoria – e, ancor più pericoloso, l’esplosione delle #FakeNews, di un più globale (Dis)Connect da quel mondo cui proprio i social ci avevano promesso di riconnetterci sempre più, con conseguente (Dis)Connessione, (Dis)Informazione, (Dis)Educazione, «(Dis)Libertà», occorre capire che, per entrambi gli allarmi, una sola è la domanda. Una la risposta.

I Mercati sono ancora Conversazioni? Rete, Web, Social, Digital, sono ancora strumenti utili, proficui – luogo di arricchimento reciproco per il tuo business, la tua vita?

La risposta è sì, purché all’insegna di un imperativo: «Basta Chiacchiere, Aiuta!». Purché cioè si passi dalla Chiacchiera all’Aiuto, da conversazioni intese non come chiacchiera vana, bensì Parola Utile-Per-Te.

L’unica vera risposta a entrambe le criticità sta dunque in una nuova Educazione Digitale, Educazione Civica Digitale e, in primis, Educazione. Una nuova consapevolezza, responsabile, etica, del Digitale come strumento, non buono o cattivo in sé ma tale in base all’uso che se ne fa e che, dunque, occorre imparare a usare bene per il bene: per Aiutare, Aiutarci nel e grazie al Digitale. Un Digitale utile, etico, che proprio e solo così sprigionerà tutto l’Utile del Digitale, la sua proficuità per tutti.

Usiamolo bene allora il Digitale: usiamolo bene per il bene, come strumento di Aiuto. Uno strumento Utile, proficuo per tutti: contro ogni «Falsità» - di Influencer Falsi, delle #FakeNews.

«Re-Connect!», vien dunque da esclamare. Riconnettiamoci da soli con quel mondo di amici, aziende, news,  da cui algoritmi, bolle e echo chambers ci tengono lontani: imperativo per tutti, ma doppio per l’Influencer. L’Influencer «vero», infatti, come dimostra l’incredibile ascesa dei cosiddetti Micro-Influencers, è quello «organico», spontaneo. Influencer vero è chi condivide Esperienze Utili-Per-Te, chi è Responsabile, Affidabile, Autentico, Amico della Verità e che perciò, come detto, ha la verità come mission, dovere doppio, ma anche di utilità, proficuità doppia, per tutti: società, se stesso, brand.

L’Influencer Vero è nel DNA Responsabile, Affidabile, Autentico, Amico della Verità. In tal senso #InfluencerMarketing è #HelpMarketing, #HelpFullNess: e, dunque, per essenza il «Tutt’Altro» dalle #FakeNews.

Aiuta Influenzando Eticamente, dunque, caro Influencer: Influenza Aiutando, Eticamente. Sarai l’Ambassador della Verità: contro ogni #FakeNews.

 

Tweet: yourbrand.camp
Aiuta influenzando Eticamente, sarai ambassador della verità contro ogni #FakeNews

#YBC @Raquel75 #SocialCom17


 

 

 



 

 

 

 

 

 

 

Potrebbero interessarti anche:

Il vero nuovo #Influencer? L’Intelligenza Artificiale

Il vero nuovo #Influencer? L’Intelligenza Artificiale #2

Influencer e B2B: la strategia SAP nel generare domanda con gli Influencer

Le due anime dell’#InfluencerMarketing

2017: l’Implosione della Fiducia e la responsabilità degli Influencers

Primo comandamento dell’influencer marketing: ascolta!

Digital Trends 2017: sii etico, filosofo e… #influencer Utile. Cinguettando su Twitter

E tu, ne hai di Digital Education?

Il valore dell'Employer Branding

Eventi da non perdere: il workshop di YBC allo IAB 2016

Gli influencers per i brand? Decisivi. Specie se sono micro-influencers

Eventi da non perdere: YBC al SOCIAL CASE HISTORY FORUM 2016

Influencer Marketing come macchina per far soldi: una metastasi

Social Media Trends 2016: regno dell’#Ads, deserto #SocialCare

Quando i brand incontrano le persone

«Caro influencer, un cane ti seppellirà». O no?

Influencer: il confronto prima di tutto

Social Proof Marketing Hangout

L’«influenza»? La misura l’Intelligenza. Artificiale… (O no?)

#InflUTILITY: 10 ruoli per gli influencer davvero utili

Social Media Week Roma: mostriamo l’#InflUTILITY in azione

Influencer Marketing Trends: la nuova moda? La responsabilità

4 consigli per essere influenti con l'utilità

YourBrand.Camp è partner di Mashable Social Media Day Italia

L'influenza non è solo una questione individuale

Se vuoi diventare un love brand hai bisogno di influencer che ci mettano il cuore

Polli, the Italian Social Food: tre blogger cacciatori di tendenze

Influencer e Influencer Marketing: ecco cosa avete detto

Azienda, stai facendo Product Placement o Influencer Marketing?

L’influenza Utile, L’Utile dell’Influenza

Trasparenza la regola non l'eccezione

Cosa significa Branding Partecipativo? Ne parliamo il 1 luglio a Rimini

Al Global Summit di Bologna si parla di Ecommerce, Reputation e Influencer Marketing

Credibilità, la parola magica dell'influenza

Promozioni che funzionano su internet: la case history Dyson

Aiuto dunque Influenzo (e Vendo)

L'unione fa la forza: i converged media

I nostri Camp di giugno!

E tu, cosa pensi dell'influencer marketing? Rispondi al nostro sondaggio

#inflUTILITY: un sito, un Book, un Camp

Consigli per gli acquisti, questione di fiducia

Sinergia e valore condiviso: con gli influencer si lavora insieme

Reputazione: una questione anche di #inflUTILITY

C come Contesto: non esiste influenza senza congruenza

B come personal Branding: l'influenza nasce da qui

Quantità o qualità. La conversione è ciò che conta!

A come Autorevolezza: un fattore d'influenza fondamentale

Influencer marketing: si parte dalle necessità degli utenti

Influencer Marketing (o relazioni)?

Rachele Zinzocchi

Riconosciuta da LinkedIn nella Top 5 dei Most Engaged and Influencer Marketers per l’Italia. #SocialCare Devoted e Utility & YoUtility Devoted, teorizza un nuovo modello di business, un nuovo marketing come Heart-Marketing, Help-Marketing: di cui va predicando con passione il verbo in convegni, workshop, webinar, masterclass, corsi di formazione, docenze e, ancora, articoli, ricerche e libri. Una parola d’ordine - «Vuoi vendere? Aiuta!», Sell? Help!, o in hashtag #SellHelp: «ROI è Responsabilità, Fiducia» - una missione: aiutare aziende e persone ad «aiutare», essere «utili», per avere successo nel business e nella vita. Firma la rubrica settimanale #SocialCare su TechEconomy

Seguimi su:

https://branded.me/rachele-zinzocchi