Contro la mancanza di fantasia: 8 consigli di Content Marketing

Contenuto, contenuto, contenuto. E’ la “dura legge del gol” del web marketing: solo un messaggio interessante si fa notare, aprire, cliccare. Ecco una miniguida per non mancare l’obiettivo.


Tutte le ultime ricerche lo dimostrano: la sfida più importante del marketing moderno, sia B2B che B2C, consiste nell’individuare e creare contenuti “engaging”, cioè interessanti e coinvolgenti. Ma non è affatto semplice. Qui su YBC, lo sperimentiamo ogni volta che vogliamo trasformare il brief di un progetto in un materiale adatto ad una conversazione empatica ed umana, perché Il miglior marketing è quello che non viene percepito come marketing.

 

Tweet: yourbrand.camp

Il miglior marketing è quello che non viene percepito come marketing

#ContentTips #YBC @FlaviaRubino666



 


 


Una sintetica to-do-list, in forma di piccolo promemoria di consigli pratici, può aiutarci a incoraggiare questa conversazione:

  • 1. Partire sempre dagli obiettivi: una strategia di contenuti, come qualunque strategia di marketing, non è fine a sé stessa ma serve a raggiungere un risultato desiderato (e no, l’aumento dell’audience non è un obiettivo sufficientemente specifico. Per esempio meglio chiedersi quale tipo di audience, in quale territorio, rispetto a quali competitor, e così via). Allora sappiamo qual è questo risultato atteso? Lo stiamo in qualche modo misurando? Quanto siamo ancora lontani e come ci si avvicina?

     
Tweet: yourbrand.camp

Non dimenticare gli obiettivi: comincia tutto da lì

#ContentTips #YBC @FlaviaRubino666

 

  • 2. Curare il Crowdsourcing: l’ispirazione individuale non basta. Occorre un costante lavoro di ricerca per sentire il polso degli argomenti di maggiore interesse per le persone (non tutte, ma quelle che ci interessano, appunto!) e anche riconoscere il contributo delle community alla creazione di opinioni e trend. Insomma: studiare l’ambiente, farsi aiutare, incoraggiare contributi, dare i giusti credits.
  • 3. Le emozioni sono (anche) conversazioni: qualsiasi contenuto ha un suo potere di arresto se fa sentire qualcosa – preferibilmente qualcosa di forte. Per provare a suscitare una reazione emotiva, conviene renderlo in forma di dialogo confidenziale, dai toni più diretti possibile, toccando il campo dei bisogni umani fondamentali.
  • 4. Catturare la realtà: documentare notizie ed eventi di interesse per la nostra community, in tempo reale, con strumenti live o registrati.
  • 5. Non aspettare l’ispirazione: scrivere bozze e appunti dimenticando la perfezione è un modo per superare il blocco della pagina vuota. Piuttosto che attendere l’illuminazione, meglio trovare un momento ideale della giornata, in cui ci si sente meglio (ognuno ha il suo) per buttare giù le idee.
  • 6. Destrutturare: il segreto per affrontare compiti complessi è scomporli in singoli task, così come il segreto per utilizzare al meglio contenuti articolati è “riproporli per vari scopi” (in gergo repurposing) per trasformarli in contenuti più specifici e dedicati. Per esempio scegliere passaggi e citazioni creando infografiche, etc.
  • 7. Liste e Review: giova ripeterlo, servono sempre. Perché ci piacciono nel web? Perché spesso rispondono al motivo per cui stiamo navigando tra miriadi di informazioni e ci risparmiano una fatica: qualcuno ha già fatto un lavoro di ricerca e selezione per noi. (per es. “Le 10 migliori app di…”)
  • 8. Dare la parola alle persone vere: condividere i feedback degli utenti; intervistare leader ed esperti di settore per raccogliere trend e consigli; raccontare aneddoti; tutto deve contribuire a rendere i contenuti personali, e quindi più vicini.

 

Tweet: yourbrand.camp

Catturare, destrutturare, dare la parola: di cosa stiamo parlando? Di #ContentMarketing efficace

#YBC @FlaviaRubino666

 

Tornando a noi: nell’interpretazione di questi consigli ci vuole fantasia, e l’esercizio di fantasia può risultare faticoso. Se avete dato un’occhiata ai nostri progetti qui su YBC, avrete sperimentato la (strana, inebriante, talvolta del tutto incompresa) libertà di creare contenuti di vario tipo, e vi sarete fatti un’idea nel tempo di quelli che per voi funzionano meglio. Il segreto di YBC consiste proprio nel lasciare che siano i partecipanti ai progetti di marketing a decidere quale taglio dare ai loro contenuti, perché questo deve poter variare, adattandosi a diversi contesti e community.

Vi va di condividere con me le vostre impressioni su cosa per voi ha funzionato meglio?




Potrebbero interessarti anche:

Brand che prendono posizione? Non in Italia. Il panorama desolante della nostra pubblicità estiva

La sfida dei contenuti: quei 3 concetti di marketing che non possiamo proprio ignorare

Come creare i migliori brand advocate (e la differenza dai testimonial)

Come scrivere con gli insight

Engagement marketing: 5 regole fondamentali per coinvolgere con i contenuti di un progetto

I blog e la falsa moneta della “visibilità”

2017 tra propositi e predizioni

EMOTIONAL LEAD GENERATION: il lato umano dei contatti professionali

L’Influenza e il kit del...contagio

Influencer Marketing: il profilo del blogger ideale secondo YBC

La mia teoria dell’Emotional Lead Generation

Il paradosso dell’influencer marketing

Influtility: il nuovo approccio strategico al Marketing Collaborativo

Milano, 19 Novembre: incontriamoci al Social Case History Forum!

La comunicazione e l’importanza del fattore tempo

6 domande sull’Influencer Marketing

Come scrivere una dichiarazione di intenti per un business o un blog

Meno buzz, più valore: la parola alle aziende

Influencer? Come produrre contenuti utili, piuttosto

La prima regola di YourBrand.Camp è: potete parlare di YourBrand.Camp

La pubblicità e i pregiudizi - parte 2

Freelance: ti racconto 6 cose che YourBrand.Camp può fare per te

Investire in formazione: i nostri mentori, tutti per te

La pubblicità e i pregiudizi

Di cosa hanno bisogno i brand e i blogger

Benvenuti!

Flavia Rubino

Prima direttore marketing e globetrotter in grandi aziende del largo consumo, poi fondatrice di The Talking Village e di YourBrand.Camp : crede che i tanti pregiudizi negativi sul marketing siano solo la conseguenza di quello fatto male, e che ancora troppo poco si sappia di quello fatto bene.

Seguimi su: