INK Project, quando cambiare è scritto nel… gioiello

Dall’unione delle tre grandi passioni di Valerio Tagliacarne per i gioielli, le parole e l’inchiostro nasce una nuova idea di gioielleria che stravolge le regole e punta ad un nuovo modo di creare gioielli che sappiano parlare e raccontare. 

 

Cambiare vita, cambiare lavoro, cambiare prospettiva. “Ink nasce nel 2008, precisamente il 1° ottobre, 15 giorni dopo il fallimento della Lehman Brothers, per intenderci, e un mese dopo aver saputo che sarei diventato padre per la prima volta, l’anno successivo. Nasce nel salotto di casa mia… amo definirci un HOME MADE BRAND”, mi racconta Valerio Tagliacarne, General Manager & Founder di Ink Pezzi Unici.

 

“Ink nasce dall’unione di tre elementi presenti in modo più o meno consapevole nella mia vita: i Gioielli, settore in cui operavo come rappresentante di commercio; le Parole, una mia passione sin dai tempi del liceo, dove venni folgorato da una professoressa di italiano molto in gamba, che mi trasmise l’Amore per l’etimologia e il significato più profondo delle parole, appunto; l’inchiostro e la sua capacità di comunicare in modo non convenzionale.

 

Da sempre affascinato da questo oro nero, ho cercato un modo che potesse sostituire il suo vecchio modo di essere utilizzato. Con l’avvento del digitale si vedono sempre meno fogli sporchi di inchiostro così l’idea, nata sul campo, di dargli una seconda vita”. 

 

Tweet: yourbrand.camp

Sempre meno fogli sporchi di inchiostro: @INKPROJECT gli da una seconda vita

#Italiadisuccesso #YBC @Cla_Gagliardini

 

 

La co-creazione di pezzi unici

Dal mix di questi tre elementi nasce INK - Il Marchio dei PEZZI UNICI. Un brand che realizza gioielli in argento - su richiesta anche in oro - altamente personalizzabili. Su ogni gioiello INK, infatti, i clienti possono far incidere quello che desiderano: frasi, messaggi, tatuaggi, disegni dei propri figli.

 

“Per noi il gioiello è una piattaforma di metallo neutra su cui andare a riportare la creatività delle donne e degli uomini, che decidono di co-creare insieme a noi un PEZZO UNICO. Iniziammo con una distribuzione tradizionale, vale a dire attraverso operatori del settore: le gioiellerie. Abbiamo sempre puntato sul digitale ma senza avere una chiara strategia di come procedere.

 

Ottenemmo subito dei discreti risultati ma è stato solo attraverso l’utilizzo dei social media, soprattutto grazie a Facebook, e attraverso una strategia che abbiamo denominato FACEBOOST, che abbiamo visto risultati per noi notevoli.”

 

Ecco dunque un brand che inizia a produrre in un periodo in cui ancora i social media sono all’inizio, almeno in Italia, ma che crede da subito nelle loro potenzialità, tanto da sviluppare una strategia che prende il nome proprio da un social network.

 

“Faceboost è una strategia che abbiamo applicato dal 2013 e che si basa su 4 pilastri: Branding, Personal Branding, Storytelling, Customer Experience. L’integrazione di questi quattro elementi ci ha permesso di farci conoscere  in modo più massivo e accelerato, dai potenziali clienti: gioiellerie (B2B) o consumatori finali (B2C), dando forte visibilità al Brand. Pagine ufficiali: INK - Pezzi Unici e la pagina dove sviluppare il pilastro del personal branding Valerio "INK" Tagliacarne”.

 

Nel primo anno di operatività,  le pagine hanno raccolto migliaia di fan (oggi quella del brand ne conta oltre 200.000), creando una buona base su cui costruire la comunicazione su Facebook.

 

                

 

Raccontare attraverso il brand i valori

“Il lavoro fatto  è quello di raccontare attraverso il nostro brand una lavorazione che c’è sempre stata, l’incisione sui gioielli, e di mettere l’attenzione su due valori per noi fondamentali: l’UNICITA’ e la volonta di ESPRIMERE SE STESSI. Noi realizziamo PEZZI UNICI ma i veri PEZZI UNICI sono i nostri clienti che, attraverso i gioielli, possono dichiarare o regalare a terzi un pezzo di sé e della loro unicità”.

 
Tweet: yourbrand.camp

Raccontare attraverso il brand l'arte dell'incisione e i valori: @INKPROJECT

#Italiadisuccesso #YBC @Cla_Gagliardini

 

 

I gioielli di INK sono una piattaforma neutra, un brand a disposizione della creatività dei clienti, che si presta per molteplici occasioni e finalità. Questo ha permesso al brand di essere scelto per creare delle collezioni su misura e personalizzate. Come INK for Laura Pausini, dove sono state incise le frasi di alcune canzoni dell’artista su anelli, ciondoli e bracciali, per poi inseriti nel suo store ufficiale  come articoli da proporre ai fan.

 

“Per noi i gioielli che ci fanno incidere sono veri e propri pezzi di vita; delle piccole storie. Per questo,  grazie al suggerimento dell’amico scrittore e manager Sebastiano Zanolli, abbiamo creato uno spazio che si chiama Storie d’Inchiostro, dove i nostri clienti possono, scriverci il motivo dell’incisione che hanno voluto farsi”. Storie italiane, storie di creatività, storie di un successo costruito sulla voglia di condividere parole e racconti.

 

 

Potrebbero interessarti anche:

ShapeMe, cambiare vita...ma anche i fianchi

Baskin, un vero sport inclusivo

Allevare alpaca, a Barberino Val d'Elsa

Il Borgo di Apricale, accogliente come mai

Produrre seta in Calabria, un sogno possibile

Accoglienza e disponibilità: i segreti del successo nel turistico-ricettivo

La locanda dei 2

Storie italiane, cronache di un Paese che ce la fa

 

Claudio Gagliardini

Sono un esperto di Webmarketing,  Social Media Marketing e Digital PR. Non sono un nativo digitale, ma sono un'entusiasta sostenitore della Digital Transformation e della necessità di (in)formare le aziende, i professionisti e la società civile sul grande cambiamento in atto. Quando, come e perché utilizzare i Social Media e le piattaforme della rete all'interno di una strategia di marketing è il fulcro del mio lavoro.

Seguimi su: