Storytelling in Real Live: 5 tip per i tuoi video

I nuovi strumenti social per la comunicazione in Real Live aiutano a realizzare una comunicazione one-to-one e a personalizzare il brand. Vediamo come migliorare il brand storytelling grazie a loro!

 

Nel mio precedente articolo sulle implicazioni della Neuroscienza sul Marketing, ho parlato della Sindrome da FOMO e di come, nonostante i suoi risvolti negativi, sia possibile per i brand far derivare un vantaggio da questa ansia di connessione continua, utilizzandola come leva all’interno delle loro strategie di comunicazione.

I brand hanno garantito un'accessibilità immediata ai loro contatti sui Social, condividendo in modo assiduo e continuativo un gran numero di informazioni. I Social hanno favorito una comunicazione sempre più one-to-one attraverso algoritmi più precisi.

Ma è sufficiente questo? 
Non sempre, perché non va a modificare il modo in cui gli utenti interagiscono con i post e non lavora né sull’engagement né sulla fedeltà al proprio profilo/brand. L’impressione è che talvolta rimanga la solita comunicazione unilaterale da brand a utente.

 


Ad oggi, lo strumento più efficace per raggiungere obiettivi migliori sono i video. E quelli in diretta streaming sono l’evoluzione che ha interessato tutti i principali Social: Facebook Live, Instagram Live Events (come copia di Snapchat’s Live Stories) e Twitter, che nel 2015 ha acquistato per 100 milioni di dollari Periscope, che si è andata da allora affermando come la piattaforma in real live per eccellenza.

Strumenti come Facebook, Instagram e Twitter hanno però nel loro “storico”, una marcia in più per creare un rapporto intimo e continuativo.

Non a caso, a breve (forse fine 2016) anche YouTube si fornirà di una piattaforma dotata di una timeline di condivisione e della trasmissione in streaming. E’ Backstage il nuovo nome dato all’evoluzione di YouTube in un vero e proprio Social Network, sul quale oltre alla pubblicazione dei video, si potranno postare anche altri contenuti, come immagini, testi, link e sondaggi, con in più un sistema di notifiche a tutti i follower di un determinato youtuber, per dar loro la possibilità di replicare, scrivere e controbattere. Nulla da invidiare ai due fratelli maggiori insomma.

Cosa possiamo imparare a livello di Digital Marketing da tutto questo, e come possiamo adattare la nostra strategia social di conseguenza?


5 soluzioni di storytelling efficace per il tuo brand

Ecco 5 consigli, per aiutarvi a comunicare, in modo sempre più diretto e personale, non solo le caratteristiche del vostro brand, ma anche il sistema di valori attorno al quale l’avete creato. La volontà è quella di condividere in maniera autentica e trasparente tutto quello che fa parte del mondo del brand, anche dietro le quinte e anticipazioni in anteprima.

 

  1. Crea i video sul momento, non produrli. Questo non significa che tu non debba avere un piano di comunicazione, o non decidere cosa fare o non fare vedere all’interno del video prima di iniziare a girarlo. Significa solo vivere il momento e condividerlo per quello che è, senza lasciar passare del tempo per la post produzione e senza cercare di modificarlo. Il rischio è infatti di far diventare il girato obsoleto e costruito.
    Quando? Negli eventi importanti organizzati dal brand o che lo coinvolgono, durante le presentazioni dei nuovi prodotti, nel backstage o durante momenti particolari, dietro-le-quinte unici per esempio in ufficio o in viaggio.

     

    Tweet: yourbrand.camp
     Non aspettare a pubblicare il tuo video, vivi il momento e condividilo per quello che è!

    #realLive #YBC @monnimonni


     
  2. Non aver paura di mostrarti e corri dei rischi. Non c’è niente di meglio per un brand che mostrarsi per quello che è e per i valori che vuole trasmettere. Questo significa non aver paura di fare interviste, parlare ai propri utenti o addirittura rispondere alla loro domande, magari con sessioni di domanda e risposta.
    Quando? In interviste di approfondimento su argomenti interessanti per la propria audience, in sessioni di domanda e risposta, tipo un FAQ in real live, fino al vero e proprio supporto clienti con aiuto offerto in tempo reale.

     
  3. Usa il real live per capire cosa vogliono gli utenti. Non c’è niente di meglio per un brand che usare l’empatia nei propri contenuti per instaurare un rapporto autentico con i propri utenti. Questo obiettivo può essere facilmente raggiunto chiedendo commenti e considerazioni da parte degli utenti rispetto al brand. Cosa piace, cosa può essere migliorato, e come.
    Quando? Durante dei momenti in cui è possibile far partecipare gli utenti ad alcune scelte e dar loro la possibilità di condividere un’opinione a riguardo: la scelta di un nuovo prodotto, la ricerca di un nuovo posizionamento, la proposta di una nuova immagine, ecc.

     
  4. Scegli degli influencer e fidati di loro. Un brand non condiviso manca di valori che aiutino le persone a immedesimarsi, e forse non è riuscito bene a raccontare la sua storia. Fa in modo che altri si adoperino per il brand, lo facciano vedere e ne parlino in giro. Cura le tue Digital PR e contatta gli influencer del tuo settore.
    Quando? Partecipa a eventi di terzi, condividi con loro il tuo prodotto, cura i rapporti con gli influencer e promuovi azioni di co-marketing.

     
  5. Divertiti! Qualsiasi cosa accada, il tuo brand deve trasmettere emozioni positive ed essere in grado di arricchire la vita delle persone. I contenuti vanno quindi creati tenendo bene a mente il benessere degli altri. Non c’è niente di meglio che dare alle persone un motivo per cui sorridere e sentirsi motivati.
    Quando? Durante tutte le situazioni che ti fanno stare bene e che sono in linea con il brand e il prodotto/servizio offerto, vai in real live e condividi il motivo di questo benessere. Non ci sarà arma più potente di questa per ottenere la condivisione spontanea e l’engagement.
     

Tweet: yourbrand.camp
Divertiti e condividi il tuo benessere in real live! 

#realLive #YBC @monnimonni

 

Avete già fatto esperienza dei nuovi strumenti Social in real live? Raccontatela nei commenti a questo post, oppure contattateci! Sarà un piacere condividere … In tempo reale!

 






Potrebbero interessarti anche:

Social Media Growth hacks: i contenuti visuali sono quello che serve

Mobile engagement: Neuroscienza e le opportunità da sfruttare per superare la crisi

L'adozione dell' e-commerce da parte dei consumatori nei vari contesti culturali 

Big Data e Personal Data: nuovi strumenti per il marketing dell'industria creativa

L'adozione del Mobile Commerce: una ricerca sui consumatori 2.0

Emozioni e Viralità: quanto conta ciò che proviamo nel viral marketing on line?

Branding online e Digital Storytelling

La Tendenza verso l'automazione del display advertising: programmatic trading e retargeting

Engagement e social media: quali opportunità per i brand delle PMI italiane?

Quale Marketing Digitale? La parola alle aziende [Infograpich]

Monica Drusian

Appassionata professionista nel campo del Marketing digitale, sono dipendente dalle Applicazioni mobili e da tutto quello che riguarda il mondo dei nostri smartphone. Ci sono sempre per parlare delle ultime novità digitali, magari davanti a una buona birra artigianale. 

Seguimi su:

 http://monicadrusian.net/